Gastronauta Torna alla Home

ricerca
per:
  • Prodottiprodotti
  • Luoghiluoghi
  • Idee in cucinaidee in cucina
  • parola
  • Regioneregione
ordina
per:

GastronautaTorna alla Home

Tra Mantova e il Garda all'Osteria da Pietro

Una tappa golosa a Castiglione delle Stiviere per assaporare i gusti locali


Pubblicato da Michela Brivio il 19/05/2017
L’ingresso vi lascerà un po’ smarriti, ma basta fare qualche passo e vi ritroverete in una splendida sala di un palazzo seicentesco, arredata con cura ed eleganza, in pieno centro storico a Castiglione delle Stiviere.
A fare gli onori di casa è Pietro Ferri, che con cortesia e professionalità si occuperà di voi, dal benvenuto al tavolo all’arrivederci in cantina, perché è d’obbligo scendere le scale e visitarla. In cucina la moglie Fabiana Tabai, per un tocco tutto femminile che si riconosce ad occhi chiusi in ogni piatto, per la delicatezza costante e la nota dolce che predomina. Autodidatta dimostra il suo attaccamento al territorio e tradizione, seppur reinterpretando il tutto con tocchi sapienti e più attuali, ma soprattutto leggeri, anche nelle proposte più creative dove non eccede mai nella sperimentazione mantenendo la sua semplicità.

Il percorso degustazione a 60€ è davvero meritevole, così come la formula pranzo con due piatti a scelta a 22€, da un menù più ristretto ma non certo di serie B, perché molte portate sono le stesse della carta.
Noi scegliamo. E non possiamo che assaggiare il territorio, mantovano/gardesano, partendo con il luccio in salsa di olive nere taggiasche, capperi di Pantelleria e prezzemolo su crema leggera di peperoni e olio del Garda Dop,  solitamente servito in insalata, qui invece presentato a filetti. E come rinunciare ai classici tortelli di zucca conditi con burro fuso e grana padano 26 mesi? 

Il ripieno è davvero goloso e abbondante e la sfoglia non può che essere l’abito perfetto, tanto che ci spostiamo su uno dei piatti da sempre in carta per goderne di nuovo, gli agnolotti di piccione conditi con fegato grasso d’oca e il loro sugo. Un assaggio di lumache ed erbette saltate in padella agli aromi servite con polenta di Storo e poi dritti al dolce, che ovviamente è la torta di rose, servita con uno zabaione al Moscato, davvero ben montato e dosato.
Un ultimo consiglio? Lasciatevi guidare da Pietro nella scelta dei vini, per la sua passione e soprattutto ricerca costante di piccoli produttori e chicche non in carta.

OSTERIA DA PIETRO
Via Giovanni Chiassi, 19, Castiglione delle Stiviere (MN)
0376 673718
www.osteriadapietro.it
info@osteriadapietro.eu

Condividi su



Lascia un commento

0 commenti

Top