Gastronauta Torna alla Home

ricerca
per:
  • Prodottiprodotti
  • Luoghiluoghi
  • Idee in cucinaidee in cucina
  • parola
  • Regioneregione
ordina
per:

GastronautaTorna alla Home

Un’oasi nel Deserto

Al ristorante Al Deserto di Cervia per un'indimenticabile mangiata di pesce fresco


Pubblicato da Michela Brivio il 04/08/2017
Percorrendo l’Adriatica vedrete un parcheggio pieno di macchine a ridosso di una casupola un po’ sperduta nel nulla, ecco siete arrivati in un’oasi di sapori e colori. Partendo dai colori, la scenografia è quella delle saline di Cervia, dove si affaccia il locale, regalando la magia di una meraviglia naturale che al tramonto si tinge di rosa ed è uno spettacolo, compreso e aggiunto al piacere della tavola.
Era il lontano 1964 quando la famiglia Bagnolini aprì qui un chiosco di piade e sono ormai più di trent’anni che il figlio Roberto lo ha trasformato nel Ristorante Al Deserto, una trattoria di pesce davvero imperdibile nei dintorni. Il locale è semplicissimo e racconta la sua storia, con scatti del passato e un arredamento che poco è cambiato da allora, mantenendo l’atmosfera di casa e un’accoglienza familiare d’altri tempi, con un padrone sempre presente e che si prende cura di ogni ospite, anche sedendosi ai tavoli con la sua simpatia e solarità marcatamente romagnola.
 
Consiglio di lasciarsi guidare da lui nella scelta, perché il menù è davvero appetitoso e facendo più assaggi avrete la possibilità di appagare più desideri. Ci sono i piatti storici impossibili da togliere dalla carta come le mazzancolle al sale della Camillone, presidio Slow Food come tanti altri ingredienti, gli spaghetti alle vongole, uvetta e pinoli leggermente piccanti, la frittura di pesce con rucola e polenta e il semifreddo ai fichi caramellati e squacquerone di Romagna Dop. Sono presenti anche piatti più recenti, ma carichi della stessa qualità delle materie prime, valorizzate al meglio nelle cotture e abbinamenti, come la trippa di manzo con seppia e cicerchia di Serra dei Conti ei tagliolini all’amatriciana di mare. E infine piatti che raccontano il territorio e la tradizione più vera, come la grigliata di pesce alla cervese fatta come una volta, con aceto rosso di Sangiovese, e il dolce dell’Ascensione chiamato anche della zitella (una frolla con crema frangipane realizzata con prodotti locali) legato all’ antica tradizione del "Ballo delle Zitelle" che si teneva in occasione dello Sposalizio del Mare per le donne in età da marito. La carta dei vini è molto popolare e ovviamente locale, con tanti vitigni autoctoni da riscoprire, come il Rambëla bianco IGP.
-
RISTORANTE AL DESERTO
Strada Statale Adriatica 52, Cervia (RA)
0544.976151
info@aldeserto.it
www.aldeserto.it

Condividi su



Lascia un commento

0 commenti

Top