Viaggiando tra le storie del gusto di Gourmandia - Terzo episodio

A bordo di Volvo ci dirigiamo verso la filanda per l'ultima tappa del nostro viaggio



Ultimo itinerario del gusto di Gourmandia, ci aspettano poco meno di 400km e sappiamo che li faremo con tutta la comodità necessaria a raggiungere Santa Lucia di Piave in tempo. Purtroppo non siamo riusciti a fare sosta ovunque avremmo voluto, visitando e raccontando tutte le aziende eccellenti che saranno protagoniste dal 12 al 14 maggio nella nostra Ex Filanda. Partendo da Modigliana, a bordo della nostra Volvo XC40, sappiamo però che incontreremo tutti lì, a Santa Lucia di Piave, tra i banchi e i prodotti che renderanno preziosa anche quest’edizione di Gourmandia, quindi puntiamo dritti nel trevigiano.
Con una sola sosta…

SOSTA


Riusciamo a partire con calma, il cielo è un po’ grigio e la luce di metà mattina ci aiuta a viaggiare con l’orizzonte pulito. Abbiamo Bologna a soli 80km di strada e la raggiungiamo appena prima dell’ora di pranzo, impossibile non fermarsi e non fare sosta presso Artigianquality. Artigianquality non è solo un’azienda di famiglia, me è l’orgoglio di una famiglia, perché gli Scapin producono storicamente “La Bologna” dentro le mura antiche della città, rispettando i principi di filiera corta e di materia prima di altissima qualità e rappresentando con le loro carni, ma soprattutto con le loro mortadelle, il simbolo di una città e di una delle più antiche tradizioni italiane nel mondo. Oggi, Artigianquality produce tre tipologie di mortadella riconosciute Presidio Slow Food e la prima mortadella BIO di Bologna; essere accolti dal sorriso di Simona e lasciarsi coccolare degustando i suoi prodotti, diventa un pranzo sensoriale unico.
Difficile andar via, ma sappiamo che ci vedremo a Gourmandia e comunque, presto, torneremo.

PRIMA TAPPA


Lasciando Bologna, impostiamo il nostro sistema di navigazione direttamente su Santa Lucia di Piave, garantendoci però del tempo per scoprire qualche realtà dal territorio circostante che ci ospita. Situata sulle meravigliose colline tra Conegliano e Valdobbiadene, a Susegana di Treviso (TV), come prima azienda abbiamo preso una dalle tradizioni e dalla storia più antiche: Borgoluce, dove la famiglia Collalto, ogni giorno da più di mille anni, si prende cura dei prodotti della sua terra. Ecosostenibilità è per questa azienda una parola d’ordine imprescindibile, una ricchezza per chi valorizza e rispetta la natura e per chi, da consumatore consapevole, ne gode dei benefici; in una tenuta di 1220 ettari di terra, contenenti vigneti, fattorie, caseifici, campi e frutteti, boschi e coltivazioni cerealicole, da Borgoluce vengono prodotti formaggi e carni, anche di Bufala, vini e farine e prodotti di mais, ma nache dell’ottimo miele. Immersi in questo agriturismo, che è anche Fattoria didattica, degustando Prosecco Valdobbiadene DOC e assaggiando dell’ottima carne bufalina con robiola, ci accorgiamo che è tardi e che dobbiamo spostarci, anche se di poco.

SECONDA TAPPA


Come seconda azienda di questa cornice geografica, abbiamo scelto Da Re a Bibano di Godega (TV), una delle prime aziende che partendo da qui e da una produzione artigianale, è diventata esempio di grande impresa nel mondo. I Bibanesi vengono ancora prodotti nel rispetto di una tradizione antichissima e rispettando le regole di una panificazione d’alta qualità, attraverso una lievitazione lenta e controllata, il cui impasto viene poi stirato e modellato a mano. Nessun uso di conservanti alimentari, nessun additivo, nessun emulsionante o miglioratore della panificazione, il Bibanese DA RE è un prodotto ancora artigianale con un occhio strizzato alla tecnologia d’impresa, ma soprattutto è ancora Italiano al 100%. Leggero e friabile, grazie all’olio extravergine di oliva italiano utilizzato in lavorazione, impossibile non mangiarne uno dopo l’altro, fino ad andare via e ancora oltre.

TERZA TAPPA


L’ultima eccellenza che ci concediamo prima fermarci, la facciamo proprio a Santa Lucia di Piave per assaggiare del buon vino; d’altronde come non inserire del vino in questo viaggio? Per farlo ci siamo affidati a un’azienda che da decenni si occupa di selezionare i migliori vini non solo di questa terra, ma anche di tutto il territorio nazionale e internazionale. Cuzziol Grandi Vini infatti ha nella filosofia di selezione, la ricchezza del terroir e il rispetto e la valorizzazione delle tradizioni che lo caratterizzano; il pensiero costante è quello che ogni vino, da loro attentamente selezionato, debba restituire al calice tutta la storia che rappresenta nel territorio che lo produce. Mille prodotti e quasi cento uomini a coordinarne una minuziosa distribuzione sul territorio, Champagne, Bianchi, Rossi, Spumanti, ma anche distillati, birre e articoli di gastronomia. Inutile dire che terminare da Cuzziol Grandi Vini il nostro viaggio ci appaga, sotto molteplici punti di vista e di sapore.

L’Ex Filanda è quasi pronta, dal 12 al 14 maggio sarà teatro di una più ampia manifestazione di gusto. Questi itinerari sono stati solo un assaggio del viaggio che potrete fare tra i banchi e i prodotti che prenderanno vita a Gourmandia.

ADV

Leggi anche


Una Rossa per cena

Davide Paolini il 26 set 2018

Cara mi costò quella acciuga

Davide Paolini il 14 set 2018

Gianpaolo e l’energia degli scarti

Marco Colognese il 25 lug 2018