Davide Paolini ®
Sei in: Home Al Votavota, con i piedi nell'acqua
Editoriale
19/06/2017

Al Votavota, con i piedi nell'acqua

A Sampieri una cucina bordo mare con piatti intelligenti e made in Sicilia

Qual è il diorama che tutti sognano quando sopraggiunge il caldo estivo, se non una spiaggia di sabbia bianca poco affollata, un mare dai colori cangianti, una vista a 360 gradi e soprattutto pesce e vino fresco? Senza volare lontano, il Bel Paese offre una varietà di posti così descritti. Pochi giorni fa degli amici mi hanno fatto scoprire appunto un luogo simile, Sampieri (a pochi chilometri da Scicli, a quanto mi hanno detto molto famoso per le riprese del Commissario Montalbano.

Nella spiaggia si nota immediatamente il bianco di un locale brioso, con tavoli aperti verso il mare (Clandestino style). Il suo nome è Votavota tratto dall’attrezzo per la pesca a strascico, così chiamato con termine dialettale. Questo locale marino di due chef (Causarano e Colombo), già con esperienza a Chiaramonte Gulfi, è aperto solo in stagione, in cucina e in sala un personale molto giovane, ma in vacanza le pecche nel servizio si sorvolano. Il menu è intelligente, piatti leggibili, pesce fresco, ingredienti made in Sicilia, adatto al luogo, soprattutto se si opta per gli assaggi fra cui la canocchia al naturale che mi ha particolarmente colpito alla gola. Ha un sapore da cui vengo sempre attratto, soprattutto cruda, spesso sottovalutata rispetto ad altri crostacei. Un tocco di originalità l’ho apprezzato nella sfera di tonno e alga Nori, nel sauro con Bellini e zenzero, nella triglia alla pizzaiola. Il pranzo è stato molto piacevole anche nei piatti più complessi, cucinati con più ingredienti, ma ben dosati, sempre comprensibili, senza i birignao oggi purtroppo di grande successo, o descrizioni da Messa Gregoriana.

Così, via via, gusto la linguina fresca di grano russello, con cavolo rapa, datterino e alici salate con pane tostato ai profumi di campo; il tonno del mediterraneo con capperi, mentuccia, cipolla rossa in agrodolce: due proposte ricche di sicilianità nei prodotti. Ho compreso cosa stavo mangiando e non è poca cosa. Dulcis in fundo: l’originale uovo di Colombo (lo chef) composto di latte di mandorla, frutta gialla e crumble all’olio d’oliva e pistacchio. La carta dei vini ristretta, ma valida: ho scelto il Trebbiano di Guccione (che assieme ad Aurora dei Vigneri e Porta del Vento sono i miei bianchi siciliani preferiti).
-
VOTAVOTA
Via Miramare, Sampieri (RG)
391.4989518



Lascia un commento

Nessun commento al momento.

Torna alla homeTorna alla Home

Cerca

Top