In Emilia Romagna il festival della biodiversità

L'8 e il 9 settembre a Lesignano de' Bagni ritorna il Rural Festival


Settembre è il mese della vendemmia, delle prime zucche e degli ultimi fichi. Finiscono gli amori estivi, inizia la scuola e l’autunno, inaugura la stagione della pasta fresca in brodo. Ma soprattutto settembre è il mese del Rural Festival. Il weekend dell’8 e 9 torna infatti, nella Food Valley parmense e per il quinto anno consecutivo, l’appuntamento con agricoltori e allevatori custodi di antiche varietà vegetali e razze animali. Un tuffo nella biodiversità per immergersi nel patrimonio rurale e sconosciuto dell’Emilia Romagna, della Toscana e della Liguria.

Sabato 8 e domenica 9 il parco Barboj di Rivalta di Lesignano De’ Bagni (Parma) ospiterà una quarantina di agricoltori e allevatori eroici di Emilia Romagna, Toscana e quest’anno anche della Liguria, che con grande fatica e altrettanta passione, ogni giorno lavorano per tutelare e salvaguardare antiche varietà vegetali e razze animali strappate all’oblio e all’omologazione. Una grande festa della cultura contadina, nelle verdi colline del Parmense, tra boschi di querce, calanchi e vulcanelli di fango, all’insegna di un solo motto: tornare indietro per andare avanti e guardare al futuro. La biodiversità agricola declinata in stand gastronomici di prosciutto di maiale nero, arrosticini di pecora Cornigliese, carne fresca di Cinta Senese, arrosto di tacchino nero, pane di grano del Miracolo e Marocca di Casola, polenta Formenton Ottofile Garfagnana, testaroli della Lunigiana con farro, gnocchi di patata Cetica, polpa di pomodoro Riccio di Parma, pasta fresca all'uovo di gallina Romagnola, Tortél Dóls con mostarda, torta di patata Quarantina, erbe selvatiche, ortaggi liguri, cipolla Borettana, fagioli Zolfino al coccio, olio di Olivastra Seggianese, latte fresco di asina, formaggi unici di razze bovine e ovine, Marroni di Campora, torta di prugna Zucchella, caffè di orzo Leonessa, miele biologico reggiano, Sidro di mele di montagna, uve e vini da rari e antichi vitigni.

Una mostra-mercato ma soprattutto un'esperienza diretta, da vivere con tutti i sensi negli spazi della riserva naturale del parco Barboj. Il festival ospiterà anche modelli di trattori Landini e Lamborghini prodotti tra gli anni Trenta e Cinquanta, che verranno messi in moto da esperti motoristi per la gioia dei bambini e anche di adulti appassionati. Sarà l’occasione di vedere dal vivo animali sconosciuti ai più, come la pecora Cornigliese e Massese, il cavallo Bardigiano, l’asino Romagnolo, la vacca grigia Appeninica, Bardigiana, Ottonese e Bianca Valpadana, il tacchino nero di Parma e Piacenza, la gallina Romagnola e il pollo Valdarnese. E tutt’attorno rari vitigni autoctoni, piante e frutti dimenticati e una ricca esposizione di varietà di pomodori. Sarà presente anche lo chef di origini parmigiane Gino Campagna, che durante il Festival terrà attività per i bambini per far conoscere la biodiversità più da vicino, ponendo l’accento su un’alimentazione di qualità.

RURAL BIODIVERSITY PARK
8/9 settembre
Parco Barboj, Rivalta di Lesignano De' Bagni (PR)
Orario: 10-20, ingresso gratuito

Contatti

RURAL BIODIVERSITY PARK

Parco Barboj, Via Torchio 20, Rivalta di Lesignano De' Bagni (PR)
342.9128266 / 335.316337
info@rural.it
www.rural.it

ADV

Leggi anche


Biodiversità, il pomodoro Riccio di Parma

Davide Paolini il 07 ago 2018

In Calabria, una festa nel nome del grano

Andrea Febo il 17 lug 2018

Pomodoro camone, da sardo a svizzero

Davide Paolini il 25 giu 2018