In Italia lo chef non ama aprire al mercato

Nel mondo invece, tra i banchi del mercato, aprono ristoranti


Dove si possono scoprire le verità di un territorio, assaporare i cibi tradizionali e immergersi nella cultura di quel luogo, se non al mercato? Così a Tokyo al mercato del pesce, a Barcellona alla Boqueria, a Marrakech a piazza Djema, a Bangkok al Water Market, ad Amsterdam al mercato dei fiori, a Instanbul al bazar delle spezie e tanti altri nel mondo sono al tempo stesso luoghi turistici e di conoscenza.

Il mercato ha avuto in alcune città nuovi sviluppi, a cominciare dal Markthal di Rotterdam, oggi forse il più moderno e spettacolare, ma ovunque è diventato sempre più un'attrazione per il viaggiatore, inserito nel percorso di visita tra un museo e una basilica, oltre a essere la cambusa per i locali. Attualmente, tra i banchi di pesce, carne, frutta e verdura, cominciano ad aprire i battenti veri e propri ristoranti, di cui la Boqueria con lo storico Pinotxo è stata l'apripista.

Addirittura nel mercato di Ribeira, a Lisbona, ha fatto capolino uno dei pochi chef stellati della città, Henrique Sá Pessoa, che serve piatti di eccellente qualità. I suoi vicini di banco sono altri tre chef portoghesi con differenti menu e carte dei vini. In Italia l'eccezione è la chef stellata Cristina Bowerman, al Cups Testaccio. Ma nel resto del Paese, a cominciare dalla moderna e viva Milano, non c'è stata una riconversione degli importanti, ma antiquati, mercati alimentari.

ADV

Leggi anche


Il miglior panettone? È di Gennaro Esposito

La Redazione il 05 dic 2018

C’è fermento nella cucina di montagna

Cristina Rombolà il 15 nov 2018

In Sicilia le emozioni di Casa Accursio

Andrea Febo il 25 ott 2018