Al Vinitaly debutta The Wine Collection

Al salone del vino di Verona la collezione di vini monovitigno della Cantina San Michele Appiano


Passione, eleganza, cura, ricerca sono le parole che caratterizzano la Cantina San Michele Appiano, la cui storia affonda le radici nell’alta tradizione vitivinicola altoatesina. Fondata nel 1907, la Cantina è formata da 340 famiglie di viticoltori che continuano da generazioni a trasformare e affinare le grandi uve del territorio. Siamo ad Appiano, il più grande comune vitivinicolo dell’Alto Adige: è qui che si trova la maggior parte dei vigneti dei soci. I pendii soleggiati, le temperature miti, la morfologia dei terreni e i venti freschi conferiscono al vino un’identità molto riconoscibile. La Cantina è sempre attiva nella ricerca e nella sperimentazione, pronta a fare uscire frequenti novità.

L’ultima debutterà in occasione di questo Vinitaly: si tratta della collezione che sigilla una limitatissima produzione di piccole selezioni in purezza. Il nome è The Wine Ciollection e per conoscere la sua storia bisogna andare a ritroso nel tempo quando, durante le vendemmie, un’esclusiva selezione del raccolto veniva destinata alle premure del winemaker Hans Terzer che analizzava talento e longevità di ciascun monovitigno. Queste piccole produzioni negli anni venivano imbottigliate e consumate esclusivamente in particolari eventi e degustazioni. Fino a oggi: infatti la cantina apre le porte di questa preziosa collezione privata.

A dare il via alla serie speciale, la cui produzione è limitata a sole 3.000 bottiglie, è il Sauvignon, uno dei vitigni preferiti di Terzer, che commenta così la fiducia che ha sempre dato a questo monovitigno: «Il 2015 è stato l’anno del Sauvignon a cui ho voluto dedicare una bottiglia speciale e un’etichetta esclusiva, perché ciò che rende particolare questo vino è un nuovo significato del concetto di qualità che inizia dalla conoscenza del Terroir e delle sue peculiarità, proseguendo con la selezione delle uve in vigna fino a un affinamento speciale. Dopo 40 anni in Cantina ho voluto sperimentare un metodo diverso, 3 giorni di skin contact, pressatura soffice, 12 mesi in tonneaux, poi altri 12 mesi in acciaio a cui ha fatto seguito un periodo di affinamento in bottiglia».

Il risultato è un vino aromatico, fruttato al naso; minerale e sapido al palato, che regala in bocca una grande freschezza e una straordinaria morbidezza. Una produzione molto limitata che permette di scoprire la massima espressione di un monovitigno.

Contatti

CANTINA SAN MICHELE APPIANO

Via Circonvallazione 17-19, Appiano sulla Strada del Vino (BZ)
0471.664466
office@stmichael.it
www.stmichael.it

ADV

Leggi anche


Un magliocco calabrese che ti conquista al primo sorso

Andrea Bianchi - L'Arusnate il 09 nov 2018

Un fresco vino siciliano, da abbinare con l’hamburger

Andrea Bianchi - L'Arusnate il 13 set 2018

Un Pinot Nero rosè, ottimo con il pesce

Andrea Bianchi - L'Arusnate il 05 set 2018