Un Buttafuoco deciso dell'Oltrepò Pavese

Il Bricco in Versira dell'Azienda Agricola Piovani Massimo


La lettura del mix di vitigni, che compongono questo ottimo vino, anticipa quello che il bicchiere restituisce in degustazione. Un vino complesso, caldo, che avvolge il palato e si fa ben apprezzare, nonostante l’alta gradazione alcolica espressa. Il nome Buttafuoco prende origine dalla frase “al buta me al fueg!” ovvero “germoglia come il fuoco!”, ed è un vino rosso tipico dell’Oltrepò Pavese, che si abbina benissimo a piatti decisi, come cacciagione, paste all’uovo e tartufi, brasati di manzo e formaggi stagionati. Tutte le uve utilizzate dal produttore per ottenerlo provengono dalla vigna “Bricco in Versira” ubicata nel comune di Canneto Pavese ed allevata su un terreno con una pendenza di oltre il 35%. La vinificazione prevede l’affinamento in fusti di rovere ed è completamente artigianale per non stravolgere gli aspetti sensoriali tipici.

Vigna “Bricco in Versira” – PIOVANI MASSIMO (Piccola Cantina in Monteveneroso)
Buttafuoco DOC Storico 2015
Vitigni: Croatina, Barbera, Uva Rara, Ughetta di Canneto (Vespolina)

- Analisi visiva: rosso rubino intenso quasi impenetrabile
- Analisi olfattiva: amarene sotto alcol, prugna e spezie
- Analisi gustativa: deciso, caldo e buona la persistenza
- Temperatura di servizio: 18°
- Acquistabile con l’app Enosocial® al prezzo richiesto dal produttore di Euro 20,00 per bottiglia (seguire le istruzioni in blue qui sotto)

INDIRIZZO PER INVIO CAMPIONATURE: L’Arusnate c/o Enosocial – Via Leone Pancaldo 70 – 37138 Verona. L’Arusnate si riserva il diritto di recensire i vini inviati gratuitamente e a titolo di campionature dalle cantine (N.B. inviare MAX 2 bottiglie per etichetta).

Contatti

AZIENDA AGRICOLA PIOVANI MASSIMO

Fraz. Monteveneroso, Canneto Pavese (PV)

ADV

Leggi anche


Un Sauvignon friulano fresco ed elegante

Andrea Bianchi - L'Arusnate il 21 feb 2019

Pizza e Prosecco: l'abbinamento di Guglielmo Vuolo

Marco Colognese il 14 feb 2019

Hans, l'idraulico

Davide Paolini il 07 feb 2019