Da dove arrivano le chiacchiere di Carnevale?

Un po' di storia sui dolci più popolari di Carnevale


Prima ancora dei costumi, prima ancora delle stelle filanti e prima ancora dei coriandoli, Carnevale vuol dire Chiacchiere! Onnipresenti sulle nostre tavole e alle feste in questi giorni: tutti le vogliono, tutti le amano. Bisognerebbe scrivere un’ode a questa creazione culinaria, che Apicio così descriveva nel suo De Re Coquinaria: «Frittelle a base di uova e farina di farro, tagliate a bocconcini, fritte nello strutto e poi tuffate nel miele». Ah lo strutto, l’oro bianco dei golosi!

Ma da dove vengono questi dolcetti di Carnevale? Chi è stato il primo a realizzarle? Ebbene, sappiate che queste piccole bombe caloriche venivano preparate e mangiate nell’antica Roma in occasione dei Saturnali, festa in cui tutti i ruoli sociali venivano invertiti e persino i poveri venivano trattati come gran signori. In fin dei conti non era una festa così diversa dal nostro Carnevale.

All’epoca questi dolcetti venivano chiamati frictilia ed erano piccoli dolci fritti nel grasso di maiale, che venivano distribuiti alla folla e di cui si era soliti farne scorta. Certo, questi antichi genitori delle Chiacchiere non erano proprio identici a quelle che possiamo gustare oggi, ma si avvicinano di non poco!

Un’altra storia vuole che le Chiacchiere derivino dalla regina Margherita di Savoia che, dopo una lunga chiacchierata a corte, le venne fame e chiese al cuoco Raffaele Esposito di prepararle una dolce merenda per lei e i suoi ospiti. Ecco perché il nome “chiacchiere”!

Dopo questo excursus storico, ecco insinuarsi un'altra domanda: perché in ogni regione italiana questi dolci hanno un nome diverso? A Roma le chiamano “frappe”, in Liguria “bugie”, in Toscana “cenci”, in Friuli “crostoli”, “galani” in Veneto e anche “fiocchetti” in alcune zona della Romagna. La risposta a questa domanda non è certa, probabilmente si tratta solamente di nomi derivati dalle varie tradizioni locali e dai vari dialetti. In ogni caso e a prescindere dal nome che volete dargli, le Chiacchiere sono un dolce iconico e immancabile in questi pazzi giorni mascherati. Ordunque: mettetevi il vostro costume migliore e preparatevi a mangiare decine di Chiacchiere mentre sarete bombardati da coriandoli e stelle filanti. È Carnevale!

ADV

Leggi anche


A Milano le caramelle plastic free

Cristina Rombolà il 21 mag 2019

Chi l'ha visto? Il Pandoro.

La Redazione il 12 dic 2018

A Marina di Massa tra croissant e panettoni

Davide Paolini il 06 ago 2018