Osteria 140, a Roma un oyster club con proposte introvabili altrove

Nell’osteria di Daniele e Giancarlo, non solo ostriche da tutta Europa, ma una cucina che non teme Stelle



Passeggiare nel centro storico di Roma, tra vicoli e scorci incantati, è un’esperienza perdifiato anche per gli stessi romani, ma a chiunque capita di farlo verso l’ora di pranzo sorge la stessa difficoltà: dove andiamo a mangiare? Eh sì, perché nonostante ce ne siano diversi, è sempre difficile trovare posti dove mangiare bene. In via dei Banchi Vecchi 140/A, tra il Tevere e corso Vittorio Emanuele II, nel circondario di Campo de’ Fiori e di Piazza Navona, c’è un'osteria particolare, dai tavoli di legno e l’accoglienza informale, con un giardino esterno luminoso e uno Chef che non teme Stelle Michelin: lui è Mirko Campoli e la sua cucina arriva nei piatti dell’Osteria 140.

Un oyster club, ma non solo

Daniele Mannis e Giancarlo Mura (i proprietari) sono sardi e l’accoglienza è quella sorridente, capace di farti stare bene da subito. Mirko Campoli invece è romano di Roma e la bravura che mette nel lavorare le materie prime eccellenti, che prima seleziona, è sorprendente. Osteria 140 è un Oyster Club capace di avere in carta fino a 12 tipologie di ostrica provenienti da Gran Bretagna, Irlanda, Francia e Italia, con dei menu degustazione introvabili altrove, ma il menu spazia anche tra una creativa cucina di mare e una più ristretta e tradizionale cucina di terra.

Un menù di mare dai sapori intensi

L’accoglienza è stata fulminante grazie a una polpetta di arzilla in crosta di pane carasau, caviale di cipolla rossa, maionese di polpo, su crema di carote, seguita da un cappuccino con spuma di parmigiano e pecorino su emulsione di cozze, con mini croissant cacio e pepe. La croccantezza e gli equilibri della polpetta, con gli spunti forti e contrastanti del cappuccino, preparano il palato a un ventaglio di sapori intensi. Successivamente abbiamo puntato ai profumi e ai sapori decisi, ma raffinati, dei tortelli di arzilla con broccoli romani e datteri, seguiti dalle note dolci e acidule dei ravioli di seppia con gamberi di Mazara del Vallo e frutto della passione. Il secondo è stato scelto tra i piatti di terra e una tenerissima guancia di manzo, con carote allo zenzero, mela cotogna e sedano rapa, ha decisamente retto il confronto con l’armonia dei sapori di mare.

Un imprevedibile gelato fior di latte con olio evo e sale di Maldon, chiude con equilibrio il conto e un pranzo appagante accompagnato da chiacchiere piacevoli e dalle note fruttate di un Vermentino di Sardegna giustamente sapido. Se vi trovate a passeggiare per il centro di Roma, per pranzo o per cena, lasciatevi conquistare dalla cucina di Mirko Campoli, chiamate Daniele o Giancarlo e prenotate un tavolo all’Osteria 140, vi faranno sentire a casa tra ostriche, crudi e una cucina gourmet aperta a tutti. Per la qualità offerta, prezzi al di sotto della media e menu degustazione da 55,00 € (vini esclusi).

Contatti

OSTERIA 140

Via dei Banchi Vecchi 140/A, Roma
06.87656724 - 3391469175
info@osteria140.it
www.osteria140.it

ADV

Leggi anche


Fiori e aromi in una trattoria veneta

Davide Paolini il 21 mag 2018

Come si preparano gli arrosticini abruzzesi

Andrea Febo il 18 mag 2018

Resistenza in Trattoria

Davide Paolini il 17 mag 2018