Sull'Arno la gola sogna

Alla Bottega del Buon Caffè di Firenze la cucina raffinata di Antonello Sardi


Confesso di subire il fascino dei locali minimalisti dove regnano le sfumature in grigio: così, quando ho messo piede a La Bottega del Buon Caffè, sono rimasto colpito dalla sua eleganza discreta. Un contesto dove la cucina a vista, il tovagliato (grigio), oltre l’apparecchiatura, ne fanno un posto giusto per gusti raffinati. Un’affermazione valida anche per la cucina dello chef, Antonello Sardi, che guida in silenzio la sua brigata e i cui piatti sembrano delle miniature.



Piatti meditati, dove i sapori e le diverse combinazioni sono davvero riusciti. Ebbene, la mia ritrosia ai piatti “vegetariani” è stata vinta dalla portata “Carote morbide croccanti, zucchine e frutta secca”, delicata, ma lunga, intensa, nei sapori ben amalgamati.
Un piatto che, a prima lettura, può apparire “povero”, ma è proprio la freschezza e l’autenticità delle materie prime che ne esaltano la piacevolezza. Molti degli ingredienti utilizzati in cucina provengono dalla fattoria della proprietà (Borgo Santo Pietro di Chiusdino).

Un altro assaggio “pitturato” è la créme brulée (viene preparata come si usa in pasticceria), pan brioche, foie gras, gelato di cipolle, servita con una riduzione di vin santo, palline di pere e gin giapponese. Raffinate le due diverse proposte di tortellini. Grande piatto, deciso, da applausi è il piccione (di Poppi), utilizzato in ogni sua parte (petto, coscia, ali, fegato), cucinate poi con modalità diverse: dalla rosolatura in padella al forno, la coscia sfumata con il Porto, fino al fegato, tenuto prima nel grasso d’anatra, poi fritto.

Contatti

LA BOTTEGA DEL BUON CAFFÈ

Lungarno Cellini 63/r
055.5535677
info@borgointhecity.com
www.borgointhecity.com

ADV

Leggi anche


Milano è vegetariana

Romina Savi il 19 set 2018

Nei piatti di A' Cava una Sicilia ricca e complessa

Andrea Febo il 07 set 2018

Che bontà il piccione cucinato dal Merlo!

Davide Paolini il 31 ago 2018