In Calabria l'aperitivo si fa in vigna

Alla Cantina Masicei di Brattirò, pasta e fagioli e vini per un aperitivo con vista Stromboli


Da dieci giorni, alla Cantina Masicei, è iniziata la vendemmia. La quinta. Cosmo è un giovane che ha scelto di restare e di scommettere su un'attività che un tempo era la principale fonte di sostentamento della regione, l'agricoltura. Siamo in Calabria, a Brattirò di Drapia, un piccolo paese sulle colline a ridosso di Tropea. Qui, in località Masicei (da cui il nome della cantina), alle spalle la collina e di fronte la vista di uno sterminato e immenso Mar Tirreno con lo Stromboli al centro, sette anni fa Cosmo ha concretizzato il suo sogno.


Oggi ha una piccola azienda basata sulla conduzione diretta di 4 ettari di vigne, coltivate con metodo certificato biologico. Un'azienda a gestione familiare, che vuole credere nell'enorme potenziale del territorio e lasciare il maggior spazio possibile ai vitigni autoctoni. Un vino è buono se proviene da un vigneto sano: è questo il motto della Cantina Masicei. Che, tradotto sul campo, significa pochi interventi in vigna, fatti solo con zolfo e rame, niente fitofarmaci e fertilizzanti chimici. La cura dei vigneti, a cui si dedicano con dovizia Cosmo e il padre Lele, il rispetto per i cicli naturali della vite, per la sostenibilità e la biodiversità dell'ambiente bastano per garantire una riuscita felice del prodotto. Le stesse linee guida si applicano alla vendemmia, rigorosamente manuale, e alla vinificazione in cantina che viene fatta cercando di manomettere il meno possibile la materia prima.

Sono cinque i vini in cui la filosofia della Cantina Masicei trova la sua massima espressione. Il Rifriscu, un rosato leggero, brioso e agrumato, Magliocco canino e Syrah, affinati in acciaio per 8 mesi. Il Kalibrio, un rosso deciso, ma rotondo, che riflette bene il carattere del Sangiovese addolcito dal Magliocco dolce, affinato 8 mesi in acciaio. La Kannata, un rosso vellutato in grado di reggere portate importanti di carne, Magliocco dolce, Sangiovese e Cabernet Sauvignon con affinamento di 8 mesi in acciaio, 6 in barrique di rovere francese. Masicei Riserva, un rosso pieno e strutturato, a base di Magliocco dolce e Mangiaguerra, fermentazione in acciaio, affinato per 18 mesi in barrique di rovere e per 6 mesi in bottiglia. L'ultimo nato è il Raya, un bianco persistente e deciso, in cui la Malvasia si unisce allo Chardonnay, prima di andare in bottiglia fa 8 mesi di acciaio.

La grande trovata della Cantina Masicei è che in estate questi vini si possono degustare direttamente in loco, durante un aperitivo calabrese, equivalente a una cena, in cui viene ricreato il cibo della vendemmia. La regina di una lunga tavolata di cibo è la pasta e fagioli, incarnazione della vendemmia calabra, ma ci sono anche le polpette di melanzana e le vrasciole (crocchette schiacciate) di patata, il capocollo, la 'nduja, la soppressata, la pancetta, il pecorino locale, le marmellate, la cipolla in agrodolce. La cucina di queste prelibatezze è totalmente home-made, affidata alle sapienti mani femminili.
E, credetemi, ritrovarsi in mezzo a una vigna, a pasteggiare con i vini della cantina e a spiluccare da un ricco buffet di prodotti locali fatti in casa, in un'atmosfera mozzafiato, con vista sul mare e con tanto di Stromboli al crepuscolo, è una di quelle esperienze che dovremmo regalare spesso a noi stessi per volerci bene un po' di più.

Contatti

Cantina Masicei

Via Vittorio Emanuele, Brattirò di Drapia (VV)
333.4641662
info@cantinamasicei.it
cantinamasicei.it

ADV

Leggi anche


Le antiche origini del Franciacorta

La Redazione il 04 dic 2019

Grai, l'artista dei vini bianchi vintage

Davide Paolini il 11 nov 2019

Un vino bianco friulano dalla bella mineralità

Andrea Bianchi - L'Arusnate il 06 nov 2019