Democratico bistrò

Gli chef stellati e i loro format più accessibili


Piovono stelle su Milano! Non si tratta di nuovi riconoscimenti della “rossa”, bensì di aperture di chef, tra i più prestigiosi della ristorazione italiana. I nuovi locali sono, per così dire, il format di sostegno e di innovazione alle loro principali attività di cucina. Questi importanti arrivi segnano l’interesse di essere presenti in una città vivace e in grande sviluppo, dove il cibo è un aspetto vitale.

Così, da pochi giorni ha aperto in Corso Como, “AMOr, steamy venetian story” il locale fast-casual dei fratelli Alajmo (già proprietari del prestigioso le Calandre di Rubano -Padova, nonché di altri 9 locali). “AMOr” è disegnato dal famoso Philippe Starck (non a caso, Milano capitale del design) che ha applicato tecnologie innovative, quali un ingegnoso sistema di carrucole che collega le luci e le cupole del vapore utilizzate per cucinare le pizze. Su queste è appunto incentrato il menu, ma sono pizze dolci e salate molto particolari, ossia al vapore, una cottura brevettata dal creativo Max Alajmo (tristellato). Si può scegliere tra pizze con uova e pancetta croccante, oppure dall’impasto integrale con uova, bacon, cipolla al balsamico e paprika affumicata, e ancora margherita e vegana. Si potrà anche gustare il calzone (Masscalzone o Masscalzino). Tra i dessert: pizza al vapore con cream pasticciera e frutti di bosco o con crema spalmabile al cioccolato e nocciole firmata Alajmo, nonché sorseggiare cocktail sempre creati da Max.

Nella nuova Milano, a Citylife, è arrivato un altro tristellato, Heinz Beck, con un format già sperimentato a Roma, “Attimi”. Un ristorante di confort food attorniato da diversi, da tanti, troppi fast food, ma la riconosciuta abilità organizzativa e di cucina dello chef contraddistingue il suo locale. Il livello della proposta di Beck mostra la capacità di questo chef tedesco di esprimersi al meglio nei piatti made in Italy, a cominciare dallo squisito spaghetto con pomodoro (anni fa lo avevo gustato con altrettanto piacere anche nel suo famoso la Pergola di Roma), ma ancor più con pasta e patate, e ancora con il riuscito tiramisù.

Da più tempo sono presenti a Milano altri influenti chef con i loro format di grande successo, quali il tristellato Niko Romito e il bistellato Giancarlo Perbellini; per sedersi ai tavoli di “Spazio” e di “Perbellini” sono necessarie prenotazioni anticipate, quasi a significare il livello di queste loro proposte, dove il rapporto prezzo/qualità dell’offerta è davvero alto. In realtà Spazio è già presente a Roma, mentre “Perbellini” è in apertura a Bologna. Il successo è conseguenza della capacità di Romito e Perbellini di saper tradurre la loro cucina stellata in piatti più semplici, leggibili, pur contenendo nella preparazione una dose di creatività non comune. E soprattutto di proporli a un prezzo accessibile.

ADV

Leggi anche


Roma, il Jackie O' rilancia il ristorante

Andrea Febo il 14 nov 2019

Romagna, terra di "cacciatora"

Davide Paolini il 05 nov 2019

A Roma Alba Esteve Ruiz riparte con Antica Fonderia

Andrea Febo il 30 ott 2019