A Asian Taste arriva Ao Yun, il vino cinese che vola al di sopra delle nuvole

Il Cabernet Sauvignon dell'Himalaya si svelerà a Asian Taste


Grandi novità bollono nella pentola di Milano Golosa e Asian Taste. Lunedì 14 ottobre, alle ore 12.00, nell’area Masterclass Asian Taste sarà possibile scoprire Ao Yun, il vino cinese che vola al di sopra delle nuvole. La sua storia è intrisa di leggende, miti, luoghi nascosti in angoli del mondo misteriosi e remoti. Come in una nuova Shangri-La, questo Cabernet Sauvignon prende vita sulle alte pendici della catena dell’Himalaya, tra i 2.200 e i 2.600 metri sul livello del mare. 314 sezioni di vigne, distribuite in 27,7 ettari tra i villaggi di Adong, Xidang, Sinong e Shouri, alle pendici del Monte Sacro Meili (6.740 metri di altezza) nell’area dei Tre Fiumi Paralleli (Yangtze, Mekong e Salwen).

Un terroir unico al mondo, habitat ideale per il Cabernet Sauvignon, con un clima che ricorda la regione di Bordeaux, ma con le peculiarità dell’alta montagna che fa maturare le uve più a lungo. La montagna protegge le vigne dai monsoni e dalle piogge e la pendenza fa sì che i vigneti beneficino maggiormente dei raggi UV più intensi. Un terreno, questo, già abitato da contadini locali che avevano terrazzato il suolo per risolvere il problema delle pendenze. Il team di Ao Yun, guidato dal winemaker Maxence Dulou, ha raccolto la sfida della vinificazione in condizioni estreme e si è adattato a villaggi senza strade e senza elettricità.

Nonostante le difficoltà, la squadra di Maxence Dulou è riuscita nel suo progetto con risultati straordinari, grazie anche agli insegnamenti degli agricoltori locali che sanno fare di necessità virtù. Il 100% delle operazioni sui vigneti è svolto a mano, secondi i principi della produzione biologica e di un sapere artigianale di tradizione centenaria. Spazio e tempo si dilatano, nel pieno rispetto dell’ambiente: una pacifica coesistenza tra uomo e natura che si riflette nel vino di Ao Yun. L’audace spirito di scoperta e la voglia di mettersi alla prova ha portato la tenuta ben oltre le vette del tetto del mondo. Nel 2013 nasce il primo Vintage Ao Yun, seguito dal 2014 e, oggi, dal 2015.

ADV

Leggi anche


La contaminazione in cucina secondo lo chef Faggionato

Davide Paolini il 07 ott 2019

In Calabria l'aperitivo si fa in vigna

Cristina Rombolà il 26 set 2019

Un vino rosso campano dai colori autunnali

Andrea Bianchi - L'Arusnate il 06 set 2019