Il 20 febbraio è la notte delle bacchette

Una serata di solidarietà contro la psicosi da Coronavirus


L’ignoranza e la disinformazione fanno sempre paura, più di un virus. Così la psicosi da coronavirus, alimentata da fake news e dal potere non controllato dei social, ha creato un clima di diffidenza e pregiudizio nei confronti della comunità cinese con relativi danni sulla ristorazione. Nella sola Milano le attività di ristorazione cinese si aggirano intorno a 1.500 e, come afferma Luca Sheng Song, presidente di Uniic, l’Unione Imprenditori Italia Cina, al momento sono gli esercizi più colpiti dalla psicosi.

Infatti, anche se l’OMS e il Ministero della Salute hanno chiarito che non c’è alcun possibile rischio contagio del virus attraverso il cibo e nonostante le materie prime usate dai ristoratori siano quasi sempre di origine italiana, i ristoranti cinesi in Italia si stanno svuotando con un calo delle prenotazioni che, in alcuni casi, raggiunge anche il 50%. E c’è stato anche chi, sconfitto dallo sconforto, ha sospeso temporaneamente la propria attività: è il caso del ristorante Wheat di via Bambaia che dopo un periodo di chiusura forzata, ha deciso di riaprire con uno sconto del 30%. A fare da contraltare alla psicosi che sta danneggiando la ristorazione cinese ci sono state tante iniziative: dal food tour in via Sarpi in compagnia di Vittorio Castellani, alias chef Kumalè, alla colazione a Chinatown lanciata dal sindaco Beppe Sala, dal corso professionale di cucina cinese della Food Genius Academy alla cena antivirus organizzata da Italia a tavola all’hashtag #iovadoalcinese, creato sui social dal blog A Milano Puoi.

Per dare un ulteriore calcio alla diffidenza, alla discriminazione e alla paura, il 20 febbraio (non a caso durante la Giornata Mondiale della Giustizia Sociale) sarà La notte delle bacchette. La serata, nata dalla collaborazione di Lorenzo Biagiarelli con un gruppo di ristoratori cinesi (Ravioleria Sarpi, Ramen a Mano, Wonton, Le nove scodelle, Mao Hunan, Kanji Fusion e relativi gruppi) si propone di fare solidarietà attraverso il coinvolgimento di ristoranti, sale da tè, enoteche, gastronomie. Ogni locale offrirà un piatto solidale e devolverà il 50% del ricavato per sostenere una delle comunità duramente colpite dal Coronavirus. Contemporaneamente, sui social, è stata lanciato l’hashtag #bacchettechallenge, la sfida che consiste nel filmarsi mentre si spostano nove oggetti (anacardi, ravioli, ma anche chicchi di riso) da una ciotola all’altra, scandendo a ogni passaggio una lettera della frase “Forza Cina”, e taggando nove amici.
L’appuntamento è per il 20 febbraio all’insegna delle bacchette.

ADV

Leggi anche


La cucina contemporanea di Bartolini al Mudec

Davide Paolini il 17 feb 2020

200 anni di Pellegrino Artusi

Davide Paolini il 11 feb 2020

In ricordo di Bepi Da Re

Davide Paolini il 10 feb 2020