L'appello dei Ristoratori Responsabili Italiani

I ristoratori responsabili chiudono, prima dell'ultimo decreto, ma chiedono delle tutele


In principio fu un piccolo gruppo di ristoratori fiorentini: il 9 marzo, di fronte all’emergenza sanitaria creata dal Coronavirus, lanciano un appello al governo nazionale chiedendo un intervento immediato per tutelare il pubblico e sostenere il settore. Li hanno seguiti i Ristoratori Responsabili di Milano, con con hashtag #iomifermo #ristoratoriresponsabili, hanno inviato una lettera aperta al Consiglio dei Ministri, al Presidente della Regione Lombardia, al Ministro della Salute e al Sindaco della città, dove viene sottolineato il disappunto a lasciare i gestori delle attività come baluardo di prevenzione del contagio, consapevoli che la promiscuità tra clienti e personale del servizio è ineliminabile, così come la distanza di un metro è impossibile da rispettare. In due giorni i ristoratori di tutta la penisola hanno fatto una cordata, diventando un gruppo a livello nazionale, con più di 4000 esercizi ristorativi coinvolti.

Da ieri questa comunità virtuale, nata attraverso un passaparola su facebook, si è data il nome di Responsabili Italiani e, per senso civico e morale, ha abbassato le saracinesche dei loro ristoranti. Al grido di “siamo nati per assumere e non per licenziare”, i firmatari di questo appello hanno deciso di chiudere, prima del decreto del Consiglio dei Ministri di ieri sera, chiedendo misure volte a tutelare la loro salute, quella dei loro dipendenti, dei clienti e dei cittadini, unitamente a tutele economiche per permettere a tutti di mantenere migliaia di posti di lavoro. “Solo così”, sostengono i titolari di questi esercizi, “quando tutto questo sarà finito, potremo ripartire più forti di prima. Dovremmo essere tutti uniti per fronteggiare un momento delicatissimo e importantissimo della nostra società. Solo il settore ristoratori occupa 1.300.000 di persone e fattura 80 miliardi: se questo venisse a mancare, le conseguenze sarebbero disastrose”.

Oltre alla chiusura di tutte le attività h 24, al fine di tutelare la salute pubblica riducendo al minimo il contagio (misura quantomai necessaria per tornare al più presto alla normalità), i Ristoratori responsabili chiedono:
• Cassa integrazione a deroga con 0 ore, senza anticipo per le aziende, che consenta ai dipendenti di non esaurire le ferie.
• Sospensione/cancellazione di tutti i contributi, oneri e tributi fiscali del periodo di chiusura.
• Mediazione pubblica in una trattativa con i proprietari dei fondi per sospendere il pagamento degli affitti, con conseguenti aiuti ai proprietari degli immobili.
• Eliminazione degli oneri bancari.
• Moratoria per mutui e finanziamenti concessi dagli istituiti bancari.
• Abolizione delle sanzioni per tutto il 2020 dei versamenti tardivi.
• Congelamento per i prossimi 6 mesi di tasse, tributi statali, regionali e comunali con pagamenti a partire dal 2021.
• Sospensione di tutte le utenze (gas, luce, acqua e spazzatura).

ADV

Leggi anche


Nelle Marche Uliassi riparte dal mare e dalla famiglia

Andrea Febo il 06 lug 2020

Nelle Langhe, l'Emozione de La Madernassa

Michela Brivio il 02 lug 2020

Gianfranco Bolognesi, il talent scout della Romagna

Davide Paolini il 29 giu 2020