Torna a inizio pagina

Bere meno o bere meglio? Sì, ma quale vino?

Interrogativi sul mercato enologico in vista del Vinitaly


In Italia si beve più vino sfuso e di poco prezzo o bottiglie intorno ai 5 euro, come afferma una recente ricerca del centro studi del Vinitaly? Se crollano i litri pro capite bevuti nei Paesi produttori europei è un handicap per i produttori? 

Con il Vinitaly alle porte (dal 25 al 28 marzo a VeronaFiere) è bene fare chiarezza su dati contrastanti che non riescono a inquadrare la situazione del mercato enologico. Non si capisce se il consumatore si è evoluto verso vini sopra una certa soglia, così confermando quel trend di bere meno e bere meglio, oppure se consumi vino da prezzi stracciati o addirittura sfuso di cui sempre più si trovano nuovi punti vendita.


Nel trasmissione di sabato 24 marzo alle ore 11 su Radio 24 a dare risposte a queste domande ci sono:


GIANNI ZONIN | Presidente casa vinicola Zonin (VI)

EMILIO PEDRON | Presidente consorzio della Valpolicella (VE)

ANTONIO CAPALDO | Presidente dei Feudi di San Gregorio (AV)

EZIO RIVELLA | Presidente Consorzio Brunello Montalcino, produttore 

MARCO CAPRAI | Az. Arnaldo Caprai, produttore di Sagrantino di Montefalco (PE)

GIANNI GAGLIARDO | Patron delle cantine Gagliardo (CN)

AARON BRùSSOLO | Titolare La Vineria, milano (vende vini sfusi e d’estate anche mescita con taglieri)


Voi che vino bevete? E dove vi rifornite? Lasciate un commento in bacheca, su Facebook o su Twitter, oppure chiamate in diretta il numero 800240024 o inviate un sms al 3492386666.


 

RIASCOLTA LA TRASMISSIONE >>>





ADV

Leggi anche


Katsu Sando il panino giapponese con la cotoletta

Cristina Rombolà il 09 apr 2021

Colomba pasquale, come riconoscere quella più buona

La Redazione il 02 apr 2021

Lampredotto, cibo di strada democratico

Davide Paolini il 01 apr 2021