Torna a inizio pagina

E tu di che pasta sei?

Il prodotto simbolo della cucina italiana è il più discusso sulle nostre tavole


Siamo un popolo di mangiatori di pasta, ma sull'argomento non riusciamo a metterci d'accordo. Non c'è prodotto più significativo per rappresentare la cucina italiana, tanto noto e amato, quanto controverso e discusso. Molte le differenze che un semplice impasto di acqua e farina è capace di produrre. Iniziando dal formato: lungo o corto, liscio o rigato, arricciato e sbavato, forato o attorcigliato. Se i modelli si sono moltiplicati in funzione del gusto locale, delle risorse e degli accorgimenti tecnici oltre che dell'estro individuale, con i nomi non va certo meglio. Quelli delle paste alimentari sono di numero e varietà inesauribile. 


L'esperienza quotidiana ci mostra che esistono denominazione diverse ed in concorrenza tra loro per indicare il medesimo tipo di realizzazione. Prendete ad esempio il formato corto a conchiglia e lo ritroverete negli scaffali degli alimentari con il nome qui di arselle, là di cocciole, oppure di cocci rigate o anche di tofe. Una piccola babele linguistica che è solo il primo gradino della lunga scala verso la complessità da metabolizzare prima di potersi orientare nell'universo pasta. Se poi ci si vuole addentrare su tempi di cottura, trafilatura e tipo di grano il discorso potrebbe diventare potenzialmente infinito ed incendiare duelli all'ultimo rigatone.


Per capire meglio di cosa parliamo quando diciamo pasta, cos'è la cottura al dente, se è meglio la trafila al teflon o di bronzo, il grano canadese o quello italiano, Davide Paolini nella puntata de Il Gastronauta di sabato 26 novembre chiama a raccolta esperti, chef, pastai da tutta Italia. Intervengono:


GERARDO DALBON | Direttore tecnologia e ricerca De Cecco

GENNARO ESPOSITO | Chef La Torre del Saracino, Vico Equense (NA)

GIUSEPPE DI MARTINO | Pastificio dei Campi di Gragnano (NA)

FRANCESCA PETREI VERRIGNI | Titolare Antico Pastificio Rosetano

MANUEL MARIANI | Responsabile di sviluppo prodotto per la  pasta di Barilla

ANDREA CAVALIERI | Antico Pastificio Benedetto Cavalieri a Maglie (LE)

RICCARDO FELICETTI | Amministratore delegato del Pastificio Felicetti, Presidente Gruppo Pasta e vice-presidente AIDEPI



Se volete raccontare la vostra esperienza lasciate un commento in bacheca oppure chiamate in diretta il numero 800 240024 o inviate un sms al 349 2386666.


RIASCOLTA LA TRASMISSIONE >>>

 

ADV

Leggi anche


Vasocottura: cos'è e come funziona

Arianna Iachia il 20 apr 2021

Ciao Andrea, il pastore delle api

Davide Paolini il 19 apr 2021

La birra in lattina di Siren

Cristina Rombolà il 15 apr 2021