Torna a inizio pagina

Il gusto delle mani

Chef e studiosi discutono sulla possibilità di esercitare la sensorialità mangiando senza posate


pezzo sulla nuova moda americana di mangiare con le mani, ho voluto lanciare un sasso nello stagno degli appassionati di cibo per capire in che acque si stavano cullando. La risposta (tramite Facebook e Twitter) è stata varia: da chi non si azzarderebbe a mollare le posate, a chi si limita ai formaggi ad altri che oserebbero di più per provare l'esperienza del gusto puro.



Allora via la forchetta dalle tavole? L'educazione ha dei limiti, questo è certo, ma il cibo ha una sua grammatica: quella della sensorialità a 360° che va esercitata in pieno, altrimenti si lascia nel piatto una fetta dei sensi. Questa è la mia opinione, ma ne sentirete delle altre sabato 3 marzo alle 11 durante la trasmissione su Radio24. 







Ecco chi ho chiamato a parlarne:


RAFFAELE MORELLI | Psichiatra e Psicoterapeuta. Direttore della riviste Riza Psicosomatica

PAOLO LOPRIORE | Ristorante Il Canto, dell’hotel La Certosa di Maggiano (Siena)

MARCO STABILE |Ristorante Ora d’aria, Firenze 

ENRICO CRIPPA |Ristorante Il Duomo, Alba (CN)

MAX ALAJMO |Ristorante Le Calandre, Sarmeola di Rubano (PD)

CLAUDIO TIRANINI | Ristorante A Spurcacciuna dell’hotel Mare, Savona 

DAVIDE SCABIN | Ristorante Combal.Zero , Rivoli (TO)

SABRINA CAROLLO | Giornalista e autrice del libro “Galateo per tutte le occasioni” (Giunti Editore)

MAURIZIO MEDAGLIA | Gastronauta, studioso ed esteta del cibo


RIASCOLTA LA TRASMISSIONE >>> 


ADV

Leggi anche


Katsu Sando il panino giapponese con la cotoletta

Cristina Rombolà il 09 apr 2021

Colomba pasquale, come riconoscere quella più buona

La Redazione il 02 apr 2021

Lampredotto, cibo di strada democratico

Davide Paolini il 01 apr 2021