Torna a inizio pagina

Itinerario alla scoperta del Sud della Sardegna

Magiche atmosfere e sapori intensi di Sulcis e Iglesiente


Segui la puntata che andrà in onda sabato 3 settembre alle ore 11.00 su Radio24


La Sardegna non è solo spiagge incantevoli e mare cristallino, ma un territorio dalle mille sfaccettature e innumerevoli tradizioni, uno scrigno ricco di rari e preziosi gioielli gastronomici. 

Sabato 3 settembre Davide Paolini le dedica la puntata de Il Gastronauta, ed in particolare ci porterà in viaggio nel sud della regione per conoscere i territori del Sulcis e dell’Iglesiente.


Il magico Sulcis deve il suo nome all’antica città di Sulci, di cui rimangono segni sull’isola di Sant'Antioco. Immerso nella selvaggia macchia mediterranea, fra i paesaggi d’acqua e di roccia, ha un’eredità di tradizioni che deriva dall’ intreccio di culture diverse: fenici, punici, romani, liguri. Un melting pot che trova espressione perfetta nella cucina locale che propone specialità come la cashcà, il cuscus tabarchino, la focaccia genovese, robusti piatti di montagna conditi con erbe aromatiche e saporitissime pietanze di mare.  Del Sulcis rimane impresso sul palato, come un tatuaggio, il sapore dei suoi vini: tra i vitigni più pregiati c’è il Carignano, rosso o rasto, che può fregiarsi della denominazione d'origine controllata.


I contrasti sfrontati sono invece ciò che stupisce di più dell’Iglesiente: montagne di roccia scura e mare blu intenso, profonde grotte e imponenti faraglioni. Un ottovolante di storia, sapori e paesaggi suggestivi, attraverso una terra che fenici, romani, aragonesi e per ultimi i fascisti hanno sfruttato per ricavarne argento, piombo, zinco, rame, stagno, ferro, carbone  e argilla.


Fino alla fine degli anni ’90 quando anche l’ultima miniera chiuse e la zona dovette inventarsi una nuova forma di sopravvivenza. Il territorio martoriato da secoli di attività estrattiva si scoprì museo archeologico industriale a cielo aperto e cuore del parco Geominerario della Sardegna. La sua cucina, ruvida e genuina, è specchio fedele di questa regione che dalla povertà delle sue materie prima ha tratto sfiziosità senza tempo. 


E voi conoscete posti o avete assaggiato qualcosa in particolare da queste parti?

ADV

Leggi anche


Le guide di comunità dedicate ai NonTuristi

La Redazione il 25 giu 2020

L'autunno in Barbagia profuma di Cannonau

Davide Paolini il 29 ott 2019

Ricordi di Rita e dell'Hotel Gallura

Davide Paolini il 24 giu 2019