Torna a inizio pagina

Libero vino in libera tavola

Contro i luoghi comune del vino


In un tempo in cui tutto cambia e viene rimesso in discussione, compresi gli usi e costumi a tavola, viene da chiedersi se qualcosa del genere non stia succedendo anche per il vino e il modo in cui viene consumato e percepito. Ci hanno sempre detto che i rossi si accompagnano alla carne ed i bianchi al pesce, quasi fossero verità rivelate da non mettere in discussione. Il punto è: sono ancora validi questi accostamenti dettati dalle bibbie dei degustatori? Ogni cibo e ogni piatto deve avere per forza un abbinamento studiato? Oppure si può decidere liberamente, senza essere guardati male dal maître o sommelier di turno? Magari scegliendo un accostamento cibo-vino non è esattamente ortodosso, ma dettato solamente dal gusto personale o da una semplice curiosità. Facendo appello a quella che si potrebbe definire una democrazia del gusto.


Sommelier, winemaker e ristoratori vengono interpellati dal Gastronauta nella puntata di Sabato 6 aprile (ore 11 su Radio24) per rispondere a questi e ad altri quesiti. Perchè sul vino gli interrogativi sono tanti, a cominciare dalla temperatura di servizio: è giusto assaggiare il vino rosso a temperatura ambiente o, secondo gli insegnamenti francesi, a volte conviene aprirli freschi ricorrendo addirittura al frigorifero? Al contrario si potrebbero degustare bottiglie di vini bianchi cosiddetti naturali non raffreddati? E poi siamo sicuri che sia corretto cominciare una degustazione dal vino più giovane a quello più vecchio oppure si può fare anche viceversa?


RIASCOLTA LA TRASMISSIONE >>>


Voi di che corrente siete? Preferite seguire i dettami classici oppure vi avventurate in abbonamenti arditi? Se volete farci sapere come la pensate, scrivete in bacheca, su Facebook o Twitter, oppure chiamate in diretta il numero 800240024 o inviate un sms al 349 2386666.


ADV

Leggi anche


Casatiello e tortano napoletano: il derby

Davide Paolini il 12 apr 2021

Katsu Sando il panino giapponese con la cotoletta

Cristina Rombolà il 09 apr 2021

Colomba pasquale, come riconoscere quella più buona

La Redazione il 02 apr 2021