Torna a inizio pagina

Prodotti taroccati: danno al consumatore o ai produttori?

La contraffazione alimentare mette in pericolo il made in Italy


Taroccare e contraffare i prodotti alimentari è sicuramente un danno per i consumatori ma allo stesso tempo va a discapito dei produttori.

Il taroccamento in campo gastronomico può avvenire in vari modi: non dichiarando la materia prima che viene utilizzata oppure giocando sull’allusione e assonanza con nomi tradizionali o noti, quindi facendo credere ai consumatori che un prodotto è Made in Italy, mentre in realtà viene realizzato in altri Paesi.


Sia sul mercato italiano sia sui mercati esteri il quantitativo delle merci taroccate è davvero molto alto, basti pensare al caso dell’italian sounding negli Stati Uniti. Il valore dei prodotti che portano nomi di marchi che suonano italiani, ma la cui provenienza non è certo il Bel Paese, è valutato dieci volte quello delle esportazioni italiane in territorio statunitense.

Di tutti questi argomenti, con particolari approfondimenti sui casi quali quelli del formaggio, lardo, miele e aceto balsamico, tratta la puntata de Il Gastronauta di sabato 15 ottobre, alle ore 11.00 su Radio24. 


Intervengono:


Roberto Brazzale | Presidente Gruppo Brazzale Spa


Nicola Cesare Baldrighi | Presidente Consorzio per la tutela del formaggio Grana Padano


Fausto Guadagni | Larderia Colonnata Fausto Guadagni di Carrara


Cecilia Robustelli | Docente di linguistica italiana all’Università di Modena e collaboratrice dell’Accademia della Crusca


Antonio Lucisano | Direttore Consorzio di Tutela mozzarella di Bufala Campana Dop


Francesco Panella | Presidente UNAPI - Unione Nazionale Associazioni Apicoltori Italiani e apicoltore


Emanuele Grio | Comandante del NAC di Roma 


Se volete dire la vostra lasciate un commento in bacheca oppure in diretta chiamando il numero 800 240024 oppure con sms a 349 2386666.


 RIASCOLTA LA TRASMISSIONE >>> 

ADV

Leggi anche


Casatiello e tortano napoletano: il derby

Davide Paolini il 12 apr 2021

Katsu Sando il panino giapponese con la cotoletta

Cristina Rombolà il 09 apr 2021

Colomba pasquale, come riconoscere quella più buona

La Redazione il 02 apr 2021