Torna a inizio pagina

Questa cipolla è falsa

Quanti falsi DOP, IGP e DOC acquistiamo ogni giorno? Chi garantisce il consumatore? E a cosa servono le denominazioni Ue?


L’Italia è il paese europeo con il maggior numero di prodotti DOP e IGP, certificazioni che hanno l’obiettivo di tutelare il consumatore, essendo attribuite a quegli alimenti che per caratteristiche e qualità sono fortemente dipendenti dal loro luogo di produzione. Garanzie insomma. Almeno sulla carta, visto che è proprio di ieri la notizia del sequestro di 3500 kg di falsi prodotti DOP e IGP (solo gli ultimi di una lunga serie), dopo un’importante operazione dei NAC che mirava alla verifica della tracciabilità e del Made in Italy di tante denominazioni di origine.


Limoni di Sorrento che arrivano dall’Argentina, cipolla di Tropea che sicuramente non nasce in Calabria, e paste alimentari con etichette fasulle. Il problema riguarda anche l’estero, con prodotti spacciati per italiani come l’aceto balsamico di Modena prodotto in Germania e addirittura “wine-kit” solubili per la preparazione di vini come il Barolo, il Chianti, il Valpolicella, il Montepulciano e il Nero d'Avola fabbricati in Inghilterra.


La domanda sorge spontanea: come facciamo a riconoscere le false certificazioni? A cosa servono le denominazioni europee? E dato che questo problema è così diffuso, bisogna dubitare di tutto? Sabato 6 ottobre Davide Paolini intervisterà esperti del settore e produttori per cercare di far luce su questo scottante argomento. Appuntamento come al solito alle 11 su Radio24.

Giuseppe Alai | Presidente Consorzio parmigiano reggiano 

Capitano Riccardo Raggiotti | Comandante nucleo Nac di Roma, Nuclei Antifrodi Carabinieri - Politiche Agricole e Alimentari 

Paolo Tolomei | Direttore ufficio coordinamento ispettivo icqrf (ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressioni frodi dei prodotti agroalimentari) del Ministero politiche agricole 

Simone Saturnino | Direttore Consorzio di Tutela della Cipolla Rossa di Tropea Calabria I.G.P. 

Roberto La Pira | direttore del Fatto Alimentare 

Enzo Coccia | pizzerie La Notizia e La Nuova Notizia, Napoli

Antonio Lucisano | Direttore Consorzio di tutela mozzarella di Bufala Campana Dop

Giuseppe Liberatore | Direttore Consorzio Chianti Classico Gallo Nero

 

 
RIASCOLTA LA TRASMISSIONE >>>

 

 

Segnalateci le vostre esperienze con i falsi alimentari. Lasciate un commento in bacheca, su Facebook o su Twitter, oppure chiamate in diretta il numero 800240024 o inviate un sms al 3492386666.

 

(L'immagine è tratta da paprikapaprika.blogspot.it)

 

 

ADV

Leggi anche


Vasocottura: cos'è e come funziona

Arianna Iachia il 20 apr 2021

Ciao Andrea, il pastore delle api

Davide Paolini il 19 apr 2021

La birra in lattina di Siren

Cristina Rombolà il 15 apr 2021