Torna a inizio pagina

Sostenibilità vo' cercando

Cambia il vino o il suo linguaggio?


La dilagante diffusione della parola sostenibilità nell’idioletto vitivinicolo testimonia un cambiamento del linguaggio. Fino a qualche anno fa i vini venivano definiti con aggettivi che si riferivano al loro cromatismo (bianco, rosso) o alla loro struttura (fermo, bollicine). Potevano indicare il vitigno da cui derivavano (autoctono, internazionale), il modo di affinatura (in acciaio o in legno) o il tipo di agricoltura con cui avveniva la produzione (convenzionale, cosiddetto naturale, bio). Oggi queste definizioni sono state sostituite da nuove terminologie: vino sostenibile, a impatto zero, senza solfiti, con certificato vegano. 
 

Ma cosa significa fare una viticoltura sostenibile?  Quali sono le parole chiave per praticare una vendemmia che sia a impatto zero sull’atmosfera? Quali i parametri per definirla tale: la tracciabilità dei prodotti, la scelta delle uve, l’uso o meno di carburanti, una bassa o assente emissione di anidride carbonica e di gas responsabili dell’effetto serra, la conduzione del vigneto con tecniche a risparmio ambientale, l’attenzione e la promozione delle energie rinnovabili?

Ma, soprattutto, è veramente cambiato il vino o il linguaggio e il marketing  con cui venderlo?

 

Nella puntata de Il Gastronauta di sabato 7 giugno, alle ore 11.00 su Radio24 si cercherà di chiarire il termine sostenibilità in viticoltura. Interverranno: 
 

Luigi Moio | Università degli Studi di Napoli

Michele Manelli | Cantina Salcheto di Montepulciano (SI)

Fabio Mencarelli | Università della Tuscia 

Walter Weber |  Cantina Aldeno (TN)

Riccardo Cotarella | Presidente Enologi Italiani 

Francesca Argiolas | Azienda Argiolas di Serdiana (CA)

Riccardo Pulselli  | Università di Siena 

Marco Caprai | Cantina Arnaldo Caprai di Montefalco (PG)

 

 

 

ADV

Leggi anche


Un vino rosé fa primavera

Cristina Rombolà il 24 mar 2021

La spesa in via Sarpi, la Chinatown di Milano

Davide Paolini il 02 feb 2021

Bottiglie parlanti

Davide Paolini il 10 dic 2020