Torna a inizio pagina

Tempo di schiscetta

Torna in auge il pranzo portato da casa, ma non è più quello di una volta


Dopo il ritorno delle ricette di recupero, della cucina povera e delle tradizioni contadine a tavola, ecco che ricompare, direttamente dagli anni 50 e 60, nelle nostre abitudini alimentari un’altra usanza frugale: la schiscetta, cioè il pranzo pronto portato da casa. Il nome ha chiari origini milanese e allude alla gavetta di alluminio dentro cui gli operai, nell’immediato dopoguerra, custodivano i manicaretti preparati nel focolare domestico per il pasto di mezzogiorno. Oggi però questa soluzione non è più ad appannaggio della sola manovalanza: colletti bianchi, professionisti ed anche manager optano sempre più spesso per il fai da te. Vuoi perché il costo di una pausa pranzo incide notevolmente sulla tasca di chi non ha guadagni tali da potersi permettere tutti i giorni il ristorante o non ha a disposizione la mensa aziendale, vuoi perché alle volte l’offerta gastronomica a disposizione dei lavoratori è grigia e deprimente.


Seppur diffusa, la schiscetta non è più quella di un tempo. Scordiamoci il grezzo contenitore riempito con le preparazioni di mamma o nonna. Irrompono negli uffici lunch box dall’anima tecnologica, dal design curato e contenuto ricercato. O anche delle confezioni con semplici zuppe o sandwich minimali che freschi di preparazione vengono consegnati direttamente sulla scrivania, all’ora desiderata. E tra le varie opzioni il panino gioca una parte da leone, anche se non è più il classico farcito con due fette di mortadella, ma è diventato gourmet e punta su accostamenti di materie prime di grande qualità.


Al pranzo portato da casa, alle sue numerose varianti e ai suoi diversi interpreti è dedicata la puntata del 19 maggio de Il Gastronauta, in onda su Radio24 alle ore 11.


Ce ne parlano:

ALESSANDRO FRASSICA | Proprietario ‘Ino, Firenze

MARCO STABILE | Proprietario e chef Ora d’aria, Firenze 

CECILIA ROBUSTELLI | Docente di linguistica italiana all’Università di Modena e collaboratrice dell’Accademia della Crusca

www.zerobriciole.com - pranzo a domicilio 

Occhioaltrend.it  

CHIARA FILIOS | Studio Normalearchitettura, inventori della schiscetta solare

STEFANO ARTURI  | Autore del blog QB e del libro “Pausa Pranzo. Come stare lontano dai bar e vivere felici” 

FRANCO GIGLIO | Cibus, a Palermo 

GIANNI MANCINI | Panineria 200 Gradi, Roma



RIASCOLTA LA TRASMISSIONE >>>


Siamo proprio curiosi di sapere se i lettori e gli ascoltatori del Gastronauta usano la schiscetta, come la preparano o se preferiscono farsela confezionare da qualcuno. Per cui lasciate un commento in bacheca, su Facebook o su Twitter, oppure chiamate in diretta il numero 800240024 o inviate sms al 349 2386666. Diteci su, di che schiscetta siete?



ADV

Leggi anche


La birra in lattina di Siren

Cristina Rombolà il 15 apr 2021

Street food a Roma, 10 indirizzi da provare

Andrea Febo il 14 apr 2021

Casatiello e tortano napoletano: il derby

Davide Paolini il 12 apr 2021