Pizza e memoria corta

Aggia sfucuà: è Milano il centro della pizza


Pizza di qua pizza di là, Napoli su Napoli giù, convegno di là evento di qua, tutti la vogliono, qualità, bontà, economicità; uno alla volta per carità! Intanto, arrivano gli americani che proprio ieri sono andati via, e dicono che la pizza è dell’America; vengono gli inglesi e dicono che la pizza migliore si fa a Londra e non importa di chi è; viene CiroHito dal Giappone e si dice che è il migliore pizzaiolo del mondo! Adesso basta: aggia sfucuà.

Innanzitutto allungando la memoria storica ricordo, ad americani, inglesi e giapponesi che è da oltre mezzo secolo che vengono in pellegrinaggio a Milano a vestire, calzare, arredarsi e mangiare. Ora che hanno ricevuto la Grazia da San Gennaro che ha fatto il Miracolo a Milano all’ombra della Madonnina, scurdammece o passato! Si fa memoria corta e si dimentica lo stuolo di visionari pizzaioli emigranti napoletani che ascoltarono il richiamo e si buttarono anema e core nell’affare gastronomico nel centro finanziario, nella porta affianco alla Borsa Valori che all’epoca faceva volare l’Italia. Immaginate le migliaia di persone provenienti da ogni parte del mondo e i centomila impiegati di fantozziana memoria che ogni giorno dovevano mettere qualcosa nello stomaco all’ora di pranzo e di sera portare a cena fidanzate, mogli, amanti, capoufficio, quando iniziarono a sentire il profumo del forno di fuoco a legna che cuoceva un disco di pane colorato di rosso bianco verde, la gioia per vista olfatto gusto tatto, nel centro di Milano.

La pizza napoletana è nata lì, in pieno centro storico in Via Santa Radegonda, Via San Pietro all’orto, perché è lì che questo piatto originale ha “avuto parola” quindi esistenza, riconoscimento, cioè è lì che si è incominciato a parlare, parlare, parlare e a farla volare veloce di bocca in bocca come una freccia che dall’arco scocca; e con la Comunicazione si è prima nazionalizzata e poi internazionalizzata. Ho sfuocato? Però mi sono sfogato! Ora vado a rivedermi in religioso silenzio il mio docucult Pane al pane. L’alimentazione in Italia, di M. Monicelli e P. Passalacqua - 1974 - con la famosa intervista allo scrittore Mario Stefanile che parla della pizza, per vivere cinque minuti di nostalgia con tutta n’ata storia. I pizzaioli modaioli innovativi infarciscano pure con la ricotta il bordo della pizza, tanto a Milano sul riso si mette l’oro. Ho sfuocato di nuovo!

ADV

Leggi anche


Milano, apre la dark kitchen di Delivery Valley

Cristina Rombolà il 30 lug 2020

A Milano apre Crosta Lab con la pizza a portafoglio

Cristina Rombolà il 08 lug 2020

Una farina di grano 100% italiano, fatta da un pizzaiolo per i pizzaioli

La Redazione il 28 mag 2020