Proteine a volontà

Scopriamo i pesci più virtuosi


Quante volte ti sei sentito dire “mangia più pesce perché fa bene”? È senza dubbio un’affermazione corretta, ma forse è il caso di fare un passo in più e capire perché il pesce fa così bene alla nostra salute. La peculiarità del pesce, sotto il profilo nutrizionale, è che contiene proteine ad alto valore biologico, ovvero apporta una notevole quantità di amminoacidi essenziali che il corpo umano non riesce a sintetizzare autonomamente. Scopriamo quali sono i pesci più virtuosi sotto questo profilo.

Un pesce facile da cucinare è il pesce spada, che contiene ben 19,8g di proteine per 100g. Oltre ad avere un sapore molto gradevole, le carni del pesce spada sono piuttosto magre, hanno un ridotto contenuto di colesterolo e contengono selenio, potassio, fosforo nonché vitamine (soprattutto B6, PP, A e B12). Gli aminoacidi essenziali contenuti nel pesce spada costituiscono il 20% circa del peso. Per le sue proprietà nutrizionali il pesce spada è consigliato nelle diete contro il sovrappeso (il valore energetico è di sole 178 kcal ogni 100g), l’ipercolesterolemia, il diabete e l’ipertensione.

Anche il merluzzo è un pesce ricco di proteine (17g su 100g). Questo pesce che vive nelle acque settentrionali dell’Oceano Atlantico ha un apprezzabile contenuto di sali minerali come ferro, calcio e fosforo e le sue carni sono molto magre (92 kcal per 100g). Naturalmente questi valori cambiano radicalmente quando il merluzzo viene lavorato fino a diventare baccalà o stoccafisso. Un pesce della stessa famiglia, che tuttavia abita le acque del Mediterraneo, è il nasello: magro e con ridotto colesterolo, le carni di nasello sono ricchissime di amminoacidi essenziali come acido glutammico, leucina e lisina. 

La sogliola è un altro pesce ricchissimo di questi amminoacidi essenziali, oltre che di Omega 3. Essendo molto magro, si presta a diete ipocaloriche ed è ricco di sali minerali come fosforo e potassio. Infine, chiudiamo con un pesce che tutti conosciamo benissimo: il tonno. Pensate che 100g di carne di tonno sono composti per il 73% da proteine, e in più contiene molto ferro nonché preziose vitamine idro- e liposolubili. Ricordiamo però che queste proprietà si riscontrano nel pesce fresco: il prodotto surgelato o cotto e conservato in olio d’oliva presenta una quantità ridotta di grassi essenziali.

ADV

Leggi anche


Come preparare il vitello tonnato

Davide Paolini il 15 lug 2020

La ricetta del nasello in carpione di Andrea Marconetti

La Redazione il 30 apr 2020

La ricetta dell'insalata di baccalà con asparagi e patate

La Redazione il 09 apr 2020