Una coppa di cristallo per un Franciacorta

La storica cantina Monte Rossa di Bornato rilancia la coppa vintage in alternativa al calice


Se siete abituati ad associare l’esclamazione “Buona la prima” al linguaggio cinematografico, ricredetevi: la cantina Monte Rossa ha fatto del concetto di “Prima” il suo claim. Prima Cuvée è il primo vino dell’azienda, un vero biglietto da visita. 

 

Ottenuto dalla Prima spremitura delle uve Chardonnay, Pinot Bianco, Pinot Nero e vini di riserva, ha una forte personalità, è di grande struttura e si distingue per piacevolezza ed eleganza. Per quest’estate 2016 il Franciacorta Brut più conosciuto della cantina cambia volto e indossa una veste ancora più glamour. La nuova release della bottiglia, presentata per la Prima volta all’ultimo Vinitaly, ha un design molto deciso. Attraverso i colori bianco e oro in Primo Piano vuole creare un’armonia che colpisce a Prima vista, tra termini solo apparentemente ossimorici, quali tradizione e innovazione, semplicità e sfarzo. 

Il concetto del Prima ritorna anche nella nuova scommessa di Monte Rossa che rilancia un grande classico, come la coppa di cristallo, per gustare al meglio il Prima Cuvée. Oltre a essere femminile, chic, stilosa e raffinata, la coppa incarna perfettamente l’idea del Prima Cuvée, sia perché è una scelta pionieristica e attuale, in quanto allineata al boom del vintage che è tornato di moda nella musica, nel design, nell’abbigliamento; sia perché riporta con la memoria alle origini, per esaltare sempre più il giusto legame con il passato. Non è un caso che in una fotografia degli anni Settanta, ritrovata in una soffitta della storica cantina, siano immortalati i fondatori di Monte Rossa, Paolo Rabotti e la moglie Paola Rovetta (oggi l’azienda è nelle mani del figlio Emanuele) intenti a sorseggiare questo vino in un’elegante coppa di cristallo. 

 

Riproporre la coppa come il bicchiere perfetto per il Franciacorta non è solo una questione estetica: è anche un’alternativa più funzionale rispetto al consueto utilizzo del calice. La coppa permette di approfondire la conoscenza di ogni singolo sorso di questo Brut, esaltandone gli aromi, il gusto e il fine perlage. Questo prezioso oggetto di design sintetizza perfettamente il giusto equilibrio tra moderno e antico, che da sempre caratterizza la filosofia di Monte Rossa. L’azienda franciacortina, sita sul punto più alto della collina che domina Bornato, è riuscita a fondere la tradizione contadina con la tecnologia, attraverso una cura maniacale per i dettagli e la ricerca con cui persegue dal 1972 la sua mission di “artigianato enologico”. La mentalità imprenditoriale ha portato la famiglia Rabotti a scommettere su scelte coraggiose, che nel tempo si sono rivelate vincenti. Monte Rossa è stata la prima cantina a lasciare la strada dei vini fermi alla ricerca dell’eccellenza nel Franciacorta e a investire con determinazione nella sperimentazione. Dopo 40 anni di attività, si può dire che queste decisioni sono state lungimiranti: oggi Monte Rossa governa 70 ettari di vigneti, con una produzione che si aggira attorno alle 500.000 bottiglie all’anno. Per cui, quando quest’estate, vi troverete tra le mani una Prima Cuvée in una coppa di cristallo, ripensando al suo background, potrete tranquillamente esclamare: “la Prima volta….non si scorda mai”.
-

SOCIETÀ AGRICOLA MONTE ROSSA 

Via Monte Rossa 1rosso,  Bornato di Cazzago S. Martino (BS)

030.725066 / 030.7254614

info@monterossa.com

www.monterossa.com

 

ADV

Leggi anche


In Calabria l'aperitivo si fa in vigna

Cristina Rombolà il 26 set 2019

A Asian Taste arriva Ao Yun, il vino cinese che vola al di sopra delle nuvole

La Redazione il 19 set 2019

Un vino rosso campano dai colori autunnali

Andrea Bianchi - L'Arusnate il 06 set 2019