Il genio nella botte di vino

Giorgio Grai, l'elegante fuoriclasse dei vini bianchi longevi


Un naso e un palato da fuoriclasse, elegante, raffinato, spigoloso però nella querelle sul vino, nella degustazione di una bottiglia o su argomenti che tocchino la viticoltura e la vinificazione, che non siano in linea con la sua etica e filosofia. Insomma un personaggio, Giorgio Grai, a suo modo originale, apprezzato ovunque per la longevità dei suoi vini bianchi.

Da anni produce vini o presta consulenza ad aziende sparse per l’Italia (con la velocità da rallista d’un tempo) con risultati davvero importanti, a cominciare dal Verdicchio di Ampelio Bucci, le cui bottiglie migliorano nel tempo e ancora San Severo in Puglia, la linea Esselunga (con uno spumante metodo classico da urlo), tanti altri e ora anche in Francia. La sua genialità è stata sempre nel riuscire a creare cuvage di successo da botti diverse della stessa cantina.

Certo, i vini che portano il suo marchio (prima Bellendorf, il cui pinot bianco nella prima guida dei vini d’Italia 1988 fu classificato 3 bicchieri) nascono soprattutto in Alto Adige, sua terra natale, dove per anni ha avuto in Bolzano un bar (Edi bar), divenuto famoso e molto frequentato da appassionati. I suoi bianchi altoatesini, quali appunto il pinot bianco (al cui assaggio Andrè Tchelistcheff, deus ex machina della Napa Valley, si inginocchiò), sono o sono stati nelle carte dei vini dei locali più importanti (anche negli Stati Uniti, a “Le Cirque” di NY dell’amico Sirio Maccioni con cui aveva lavorato in cucina in navi da crociera), così come il Sauvignon (recentemente ha portato in assaggio il 2001), il Traminer e anche un eccellente Pinot Nero.

ADV

Leggi anche


Le antiche origini del Franciacorta

La Redazione il 04 dic 2019

Grai, l'artista dei vini bianchi vintage

Davide Paolini il 11 nov 2019

Un vino bianco friulano dalla bella mineralità

Andrea Bianchi - L'Arusnate il 06 nov 2019