Girotondo tra prodotti natalizi

Non solo panettone tra i prodotti da acquistare per Natale


Paese che vai… il giacimento lo trovi di sicuro, una certezza tutta “italiana”. Spesso i prodotti locali possono raccontare la loro storia con un aforisma: la tradizione è un’innovazione riuscita.

Il nostro tour comincia da Avellino, dove una ex commercialista è diventata una bravissima pasticciera, nonché accademica: Carmen Vecchione di Dolciarte. Ebbene uno dei suoi prodotti originali è battezzato tozzetto perché così li chiamava la nonna Laura. Sono biscotti ai vini campani proposti in diverse declinazioni, nelle quali il cioccolato sposa arancia e cannella, pistacchio o nocciola mortarella. Sempre dal territorio arrivano le idee di lievitati “salati”: il PanRamata, con la cipolla (candita) di Montoro.
Carmen produce uno tra i migliori panettoni sudisti, alcuni dei quali arricchiti con prodotti della sua terra: l’albicocca pellecchiella del Vesuvio, il mandarino candito e uno davvero originale al caffè e latte, squisito per colazione.

E sempre al mattino cosa c’è di meglio di uno zabaglione? Senza chiedere alla mamma si può far ricorso allo zabaglione bio al vino moscato o allo Sanbay, zabaglione bio al vino passito di Sicilia, prodotti dalla storica Azienda Agricola Olivero Claudio. Un’azienda dedita all’allevamento delle galline e alla produzione di uova biologiche, dal cui tuorlo nascono appunto gli zabaglioni della casa.
La ricetta del Sanbay risale al XVI secolo, attribuita a Fra’ Pasquale De Baylon, nota come crema di San Baylon, da cui pare derivi il nome zabaglione.

La città di Mantova, famosa per la tradizione culinaria di Corte ha anche un passato ricco di storia della pasticceria, interpretata dagli anni’20 dalla famiglia Freddi, tuttora attiva con alcune chicche d’antan quali la torta di tagliatelle, la torta di rose e il dolce Elvezia (o Helvetia) ideata nel’700 da una famiglia svizzera dei Grigioni che aveva aperto pasticcerie nella città dei Gonzaga.

Lunga storia (dagli anni’20) presenta anche il panificio Colombo e Marzoli di Varese, dove pane, dolci, biscotti, lievitati e il panettone sono prodotti con le migliori materie prime e con l’uso sapiente del lievito madre; soprattutto per i golosi c’è la torta di castagne.

Il mese di dicembre è segnato dai i dolci, per questo la pasticceria Dolci Intuizioni di Marco Vacchieri di Rivalta (To) è un indirizzo imperdibile a cominciare dalla straordinaria meringata, proposta in diversi gusti (allo champagne, alla fragola ecc), così come la pasticceria mignon (funghetti, bignolini, chantilly), i biscottini piemontesi, la torta Saint Honorè e la originale Vacchier (rivisitazione della Sacher). Di grande livello qualitativo il panettone. L’offerta si è arricchita recentemente di una collezione di cioccolatini di gusti variegati, la cui originale forma è stata ideata dal design automobilistico Enrico Fumia.

ADV

Leggi anche


A Tivoli la cucina di mare anche senza mare

Andrea Febo il 13 dic 2019

A Milano tacos messicani ripieni di cappello del prete

Cristina Rombolà il 11 dic 2019

La Pizza, poi la Pizza e, per finire, la Pizza

Davide Paolini il 10 dic 2019