Italian Signature Wines Academy consiglia...Grande Cuvée Alma Brut di Bellavista

Un vino nato per rappresentare l'eccellenza del territorio


Per la nostra mini rubrica sui vini consigliati da Iswa, acronimo di Italian Signature Wines Academy (un'associazione di 9 Marchi storici di case vitivinicole, che hanno deciso di fare sistema per favorire la diffusione e la valorizzazione, nel nostro Paese e nel mondo, del vino italiano di qualità), oggi vi consigliamo il Grande Cuvée Alma Brut di Bellavista.

Bellavista Grande Cuvée Alma Brut nasce come la rappresentazione dell’eccellenza del territorio, che le ha dato vista: la Franciacorta ed è da sempre la massima espressione di un progetto che, sin dal 1977, si è posto come obiettivo la ricerca dell’armonia e che oggi diviene simbolo della tradizione e dell’alta qualità di Bellavista. Sono circa 100 le selezioni che provengono dalla medesima vendemmia e che vengono individuate con estrema cura in 107 parcelle distribuite in 10 differenti Comuni della Franciacorta (“assemblaggio orizzontale”) per realizzare questo vino composto da uve Chardonnay in prevalenza, quindi Pinot Nero e una piccola quota di Pinot Bianco.

Da più di 40 anni Bellavista lavora per prolungare sempre di più il tempo di affinamento dedicato a questa bottiglia, ciò che ne risulta è un ampio patrimonio di varianti olfattive e gustative a cui si aggiungono i profumi e i sapori di particolari “vini di riserva” provenienti da differenti vendemmie (“assemblaggio verticale”). Altro fattore decisivo è la fermentazione e l’elevage di parte dei vini base in piccole botti di rovere bianco, capaci di apportare intensità e complessità. Una cuvée unica che, con l'elegante complessità, rappresenta l’anima più integra e spesso misteriosa della Franciacorta.

Leggi la scheda del vino
Uvaggio Chardonnay 88%, pinot nero 11%, pinot bianco 1%
Sistemi d'allevamento Guyot 
Densità di impianto 5000 ceppi/ha
Resa 100 q.li/ha
Età media delle viti 25 anni
Periodo di vendemmia Fine agosto, inizio settembre
Affinamento 14% pièces, 86% inox
Dosaggio 5 g/l
Acidità 6.3

Dal colore giallo paglierino con riflessi verdognoli, ha un perlage fine e continuo, con abbondante e persistente corona. Al naso il profumo è ampio e abbraccia sfumature di frutta dolce e leggermente matura, con sottili accenni di vegetali e vaniglia. In bocca è sapido e completo, fresco e vibrante con un ritorno delle note percepite al naso. Il finale è lungo, elegante e armonioso. Che lo si beva come aperitivo o durante il pasto, saprà accompagnare bene numerose elaborazioni a base di pesce. Crostini con salmone affumicato o pasta al sugo di astice.

Dove acquistare online
Tannico
Vino 75
Call Me Wine
Amazon
Wine Expert
Xtra Wine

ADV

Leggi anche


L'autentica trattoria nel regno del maiale

Davide Paolini il 16 set 2020

Il sapore delle anatre in bicicletta

Davide Paolini il 31 ago 2020

Lambrusco ancestrale e vini col fondo

Davide Paolini il 28 lug 2020