5 birre da stappare a Natale

I consigli di Ales&Co sulle birre da bere durante il periodo natalizio


Ci siamo, è arrivato il periodo più atteso o temuto (dipende dai punti di vista) dell’anno. Cresce l’ansia per l’affannosa ricerca dei regali, le vetrine si riempiono di panettoni e le strade di luminarie. Che si sia in solitudine o in famiglia poco importa, la priorità è fare provviste di cibo e bevande per poter arrivare in gran forma alla festività. E poi, si sa, le preghiere, a pancia piena, vengono meglio. Iniziamo a preparare la nostra dispensa natalizia con le birre.

Regola numero uno: munitevi del calendario dell’avvento di Ales&Co e, dal primo dicembre, potete cominciare a stapparne una al giorno fino alla vigilia perché, con una birra al giorno, il nostro Natale si preannuncia già come un sogno. Siccome siamo sicuri che una birra quotidiana non riuscirà a placare la vostra sete, potete integrare la pesa con la box 12 Beer of Christmas di BrewDog. Per non farvi mancare nulla, man mano che entriamo nel clou delle feste, abbiamo chiesto agli amici di Ales&Co di consigliarci
5 birre per pasteggiare. Ovviamente nulla esclude che possiamo berle anche al camino, mentre meditiamo o ci facciamo fuori intere serie tv.

Partiamo da una vecchia conoscenza, il birrificio danese To Øl: dalla sua produzione giovane, fresca e leggera selezioniamo la Blizzard, ideale in abbinamento a roast-beef e arrosti natalizi. Una Ipa prodotta con aggiunta di frumento non maltato. Morbida al palato, al naso presenta note fruttate e agrumate che restituiscono i profumi della scorza di limone, del pompelmo e della frutta gialla. In chiusura si sente la luppolatura, leggermente amarognola, che lascia la bocca asciutta e pulita. Per brasati, stufati di manzo, formaggi vaccini stagionati la Christmas Ale del birrificio indipendente inglese St. Peter’s Brewery è perfetta: 7% vol, una struttura maltata con una buona dolcezza e un tenore alcolico sostenuto. Un corpo morbido e dolce, che chiude con una vena amara e una buona secchezza. La Hoppy Xmas di BrewDog, come suggerisce il nome, è una Ipa piena di verde realizzata con il luppolo Simcoe. Una single hop aromatica, che al naso richiama note di lime e di frutta tropicale e lascia spazio a un tono resinoso e caramellato. La luppolatura riporta delle note balsamiche che supportano bene portate importanti, come il tacchino ripieno, il filetto alla Wellington, le quaglie al forno.

Dato che il Natale sarà soprattutto all’insegna dei dolci, il consiglio è quello di abbinarli a birre cariche, che non si lascino sopraffare dalla quantità di zuccheri ingurgitati. E allora lasciatevi andare alla Xocoveza, la Milk Stout prodotta dal birrificio californiano Stone Brewing. Brassata per la prima volta nel 2014. 8,1 % vol, realizzata con l'aggiunta di cacao, caffè, peperoncino, vaniglia, cannella e noce moscata. Speziata il giusto, dolce e dalla struttura morbida. L’utilizzo di luppoli inglesi apporta eleganza ed equilibrio. Per goderne appieno, bevetela mentre mangiate una crema catalana, una millefoglie alla crema, del cioccolato fondente. Con una crostata di frutta o una macedonia, ma anche con delle insalate sgrassanti, bevete invece una Santa Gose di To Øl, 4% vol, calda e fruttata, prodotta con l’aggiunta di frutta della passione, guava e mango. Leggera al palato, poco speziata, ha una bella acidità ed è molto beverina.

E se ancora non doveste essere sazi, fate un giro nel sito di Ales&Co e visitate la loro selezione Natalizia, che non comprende solo birre, ma anche spirits. Tranquilli, avremo abbastanza alcol per supportare e sopportare le feste natalizie.

ADV

Leggi anche


La birra di Moor: Real Ale, Vegan Friendly

Cristina Rombolà il 15 gen 2021

8 Birre IPA firmate BrewDog

Cristina Rombolà il 30 dic 2020

L’Università del Panettone: il raffreddamento

La Redazione il 24 dic 2020