Torna a inizio pagina

5 Cru Amarone che esprimono i territori della Valpolicella

Vi presentiamo la linea Espressioni della Cantina di Negrar


Con la linea “Espressioni”, la Cantina Valpolicella Negrar, ha sviluppato negli anni, dopo aver coniato nel 1939 il termine “Amarone”, un progetto che ha portato alla produzione di  5 Cru Amarone in modo che ciascuno di essi raccontasse nel bicchiere i talenti vitivinicoli specifici di ciascuna vallata della Valpolicella Classica. Osservando dall’alto la Valpolicella Classica ci si accorge facilmente che, partendo dai Monti Lessini, essa è costituita da valli che si snodano in parallelo tra loro da nord a sud. Procedendo da ovest verso est troviamo in sequenza le valli di Fumane, di Marano e di Negrar che insieme alle areali di Sant'Ambrogio e San Pietro in Cariano formano appunto la Valpolicella Classica.
 

Il risultato dunque di questo progetto “Espressioni” è rappresentato da 5 sublimi cru Amarone: Mazzurega (espressione del territorio di Fumane), 

San Rocco (espressione del territorio di Marano di Valpolicella), Villa (espressione del territorio di Negrar), Monte (espressione del territorio di Sant’Ambrogio di Valpolicella), Castelrotto (espressione del territorio di San Pietro in Cariano). La scorsa settimana ho avuto il piacere di essere invitato a degustarli direttamente presso la Cantina. Durante la presentazione, condotta amabilmente dal Direttore Daniele Accordini, abbiamo deliziato i nostri palati con i 5 cru prodotti nell’ultima annata selezionata ovvero la 2010.

Va ben evidenziato che la linea “Espressioni” viene prodotta solo quando le annate sono ritenute migliori dalla Cantina e questo è accaduto, da quando è iniziato il progetto, solo nel 2005, nel 2008 e nel 2010, annata quest’ultima che andrò brevemente ora a raccontarvi cru per cru.

Al fine di ottenere 5 cru amarone che effettivamente rispecchino nel bicchiere fedelmente i 5 territori di provenienza si è, giustamente aggiungo, deciso che gli uvaggi siano e debbano essere sempre identici. Quindi tutti questi cru amarone sono costituiti, e lo saranno sempre, dai seguenti uvaggi: Corvina 70%, Corvinone 15% e Rondinella 15%. Ma andiamo ora alle note di degustazione:
 

1) Mazzurega: Il vino offre un bel colore rosso granato denso. Il terreno, composto di rocce arenarie calcaree stratificate, si trova a circa 460 metri di altitudine e gode di elevate escursioni termiche che conferiscono a questo amarone un bouquet complesso con note di cioccolato, frutti rossi, cuoio e tabacco bianco da pipa. Al palato ho riscontrato un elegante sentore di pepe nero e tannini setosi. Un vino sicuramente longevo da abbinare a selvaggina. Alcol 17° % vol.
 

2) San Rocco: di un bel colore rosso granato. Proviene da un territorio a 510 metri di altitudine costituito, sulle colline, da vulcaniti basaltiche dette “toar”. Infatti la vicina Chiesa di Santa Maria Valverde sorge nelle vicinanze di un antichissimo e inattivo camino vulcanico. L’area è piuttosto ventosa e a rischio di grandine, essendo esposta a sud-est. Al naso chiodi di garofano. Tannino reattivo, finale di menta e canfora. Minerale. Alcol 17°%Vol. Da abbinare a formaggi erborinati.
 

3) Villa: Ha un bel colore rosso granato compatto. Vien prodotto da un territorio poco ventoso ma piovoso, argilloso e posto su calcari nummuliti a una altitudine di circa 280 m.s.l.m. Al naso spicca una bella ciliegia sotto spirito. Al palato risulta fresco, minerale e decisamente lungo, anzi, infinito. Alcol 17,5°% Vol. Vino da meditazione, da bere da solo a fine pasto magari degustando noci e nocciole tostate. Questo tra i 5 è risultato essere, senza alcun dubbio, il mio preferito.
 

4) Monte: Rosso granato. Il terreno si trova a una altitudine di circa 440 metri sul livello del mare, è molto ventoso e soggetto a un elevato rischio di grandine. Gode di un’ottima esposizione solare e dunque si scalda velocemente ed è poco umido. Al naso riscontro una confettura dolce che ricorda, come evidenziato dal direttore Daniele Accordini, gli amarone “old style”, ma anche sentori di “petite patisserie” e fichi. Rotondo. Alcol 16,5°%Vol. Lo abbinerei ad un bel pezzo di parmigiano reggiano.
 

5) Castelrotto: Ha un colore rosso granato intenso. Il vigneto è il più basso dei 5 e si trova a 150 metri s.l.m. su di un terreno argillo-sabbioso di origine alluvionale. Al naso riscontro una bella ciliegia croccante. Al palato tannini vellutati e buona acidità. Un cru decisamente elegante, con finale di cannella e liquirizia. Alcol 16,5°%Vol. Da abbinare ad arrosti di vitello e piatti di carne in generale.

(foto: gamberorosso.it)

-

CANTINA VALPOLICELLA NEGRAR
Via Ca’ Salgari 2, Negrar (VR)
045.6014300
info@cantinanegrar.it
www.cantinanegrar.it

ADV

Leggi anche


Italian Signature Wines Academy consiglia...Dedicato a Walter di Allegrini Poggio Al Tesoro

La Redazione il 22 lug 2020

In Calabria l'aperitivo si fa in vigna

Cristina Rombolà il 26 set 2019

A Gourmandia si premiano le enoteche che resistono

La Redazione il 10 mag 2017