Torna a inizio pagina

Dall'acino ai vini

Una visita alla cantina L'Acino di San Marco Argentano per assaggi di classe


orange wine che mi ha immediatamente colpito per la sua eleganza e mineralità, spingendomi sulle tracce del produttore. Anzi, dei produttori dato che i patron di questa giovane realtà vitivinicola di San Marco Argentano (CS) sono Antonello Canonico, Dino Briglio ed Emilio Di Cianni. Lasciatisi alle spalle le lauree in Dams Cinema, Storia e Legge, nel 2007 i tre affittano alcune vigne nel loro territorio e iniziano una nuova vita consacrata alle uve locali.

La scommessa, vinta, è di praticare agricoltura biologica e di seguire una filosofia di produzione di nicchia che si aggira sulle 20.000 bottiglie annue. La loro è una storia di coraggio, di passione e di amore, per il vino sì, ma anche per una terra contraddittoria e difficile, come solo quella calabra sa essere: aspra, selvaggia, generosa e ricca. Le vigne targate L’Acino sono distribuite sulla piana di Sibari, tra la Sila e il Pollino dove si pratica una viticoltura che potremmo definire eroica.

In località Tocco, a San Marco Argentano, ci sono due vigne a 350 m s.l.m.: una del 1922, un ettaro di terreno sabbioso-argilloso, dove si coltivano, ad alberello, ecotipi autoctoni. L'altra, meno datata, risale a otto anni fa: un terreno vergine di cinque ettari, sabbioso-argilloso rosso, ricco di ferro e con un allevamento guyot di Magliocco, Guarnaccia Nera, Guarnaccia Bianca e altre varietà locali. E’ con queste uve che si producono i vini della casa: il Chora bianco e quello rosso. Fresco e dalla pronta beva, il primo, ideale con leggeri piatti di pesce o verdure. Sempre giovane ma più impegnativo il secondo, che vedrei bene con saporiti piatti di carne.

In località Monte di Cassano, a Frascineto, sul Pollino, la cantina dispone di altre due vigne. Un ettaro di terreno è a 600 m s.l.m., sabbioso e argilloso chiaro, coltivato a Mantonico Pinto, uva dalla bassa resa e dall’alta qualità, da cui deriva quello che a mio avviso è il vino di punta: il Mantonicoz. Un orange wine d’autore, minerale, profumato, intenso, persistente in bocca, pulito e con grande personalità che si svela a ogni assaggio. Vino da meditazione, ottimo da solo, si presta anche all’accostamento con formaggi erborinati e succulenti piatti di pesce. L’altra chicca della cantina è il Toccomagliocco, 100% Magliocco, allevato nella seconda vigna sul Pollino: tre ettari di terreno rosso argilloso e sabbioso a 550 m s.l.m.  Un vino potente, corposo, di grande struttura, ottimo con piatti decisi come quelli a base di selvaggina e con formaggi stagionati.

Queste le quattro etichette by Acino attualmente in commercio, ma i ragazzi hanno iniziato da poco ad allevare una vigna nuova di circa quattro ettari a 500 m s.l.m. in località Valle della Pietra, il cui terreno è vulcanico rosso argilloso e, in bassa quantità,  anche sabbioso. In campo stanno innestando gemme di Mantonico Pinto, Guarnaccia Bianca e Magliocco: che sia il preludio di nuovi arrivi? Incrociamo le dita per il sì.
-

SOCIETA' AGRICOLA L'ACINO SRL
Contrada Prato
, San Marco Argentano (CS)

T. 3296343377

M. info@acinovini.com
W. www.acinovini.com


ADV

Leggi anche


L’etichetta – Librandi Efeso Val di Neto bianco

Andrea Bianchi - L'Arusnate il 03 feb 2017

Per le strade gustose del Cirotano

La Redazione il 05 set 2014

Katsu Sando il panino giapponese con la cotoletta

Cristina Rombolà il 09 apr 2021