Torna a inizio pagina

Dalle rocce nascono i vini

Giro d'Italia alla scoperta dei vini eroici, si parte dal nord


Li chiamano vini eroici, estremi, resistenti. Sebbene gli attributi varino di volta in volta, tutti si riferiscono a vini provenienti da vitigni che crescono in terre impervie, strappate alla montagna, alla valle, alle rocce, al mare. Terreni disagiati per morfologia, clima, altitudine e latitudine che rendono, a prima vista, impossibile  la vinificazione. Terreni in cui diventa fondamentale la tenacia e la passione di piccoli vignaioli. Una produzione limitata, per ovvi motivi, che è in grado di offrire delle chicche enologiche preziose e rare, quanto cariche di storia e di fascino. Il nostro giro d'Italia alla scoperta dei vini eroici parte con alcuni esempi settentrionali, cui seguiranno, prossimamente, altre cantine “estreme” site nel sud della penisola.

Gino Pedrotti cerca d’intervenire, nella maniera meno invadente possibile, sul terreno per riequilibrarlo e renderlo più favorevole alla vite. Tra i vini ottenuti, il vino Santo di uve Nosiola merita la menzione. Un vino fragrante, immediato e semplice che racchiude in sé aromi speciali derivati dal microclima e dai terreni su cui cresce l’uva.

La Valtellina, regione alpina per eccellenza, tracciata dal fiume Adda, vanta alcune tra le vette più alte d’Europa. Eppure, nonostante l’avversità del territorio, anche qui sapienti viticultori sono riusciti a ricavare degli ottimi vini, prodotti negli ampi vigneti a terrazzo distribuiti lungo le pendici delle valli. Duemilacinquento chilometri di sistema terrazzato con tanti muretti a secco che rendono possibile la coltivazione della vite nelle zone più soleggiate delle Alpi Retiche. Il principale vitigno è il Nebbiolo, le cui uve sono localmente dette chiavennasche. Nobile e a maturazione tardiva, questa varietà ha trovato, tra  le montagne innevate valtellinesi, uno dei suoi habitat privilegiati.  La cantina Fay rappresenta uno degli esempi più significativi della resa qualitativa del territorio. Una superficie di quattordici ettari, nella sottozona della Valgella, con dei vigneti collocati nella fascia altimetrica intermedia, in modo da evitare sia il freddo del fondovalle, sia il gelo della montagna. Carattere e profondità contraddistiguono questi vini resi speciali dall’unicità del territorio. Il Glicine, verace e rustico, rispecchia le caratteristiche dell’omonimo vigneto che si estende su un appezzamento roccioso di un ettaro, nella sottozona Sassella a 350 m s.l.m.
 
 
AZIENDA AGRICOLA GINO PEDROTTI
via Cavedine, 7
Lago di Cavedine - Pietramurata (TN)
T.0461 564123
M. info@ginopedrotti.it
W. www.ginopedrotti.it
 
SOCIETÀ AGRICOLA FAY
via Pila Caselli, 1
San Giacomo di Teglio (SO)
T.0342 786071
M. info@vinifay.it
W. www.vinifay.it

ADV

Leggi anche


Un vino rosé fa primavera

Cristina Rombolà il 24 mar 2021

La spesa in via Sarpi, la Chinatown di Milano

Davide Paolini il 02 feb 2021

Bottiglie parlanti

Davide Paolini il 10 dic 2020