Torna a inizio pagina

Extraomnes

Un birrificio che ha un approccio quasi religioso verso la Birra


Luigi D’Amelio, da tutti conosciuto come Schigi, è una figura da anni protagonista sul palcoscenico della birra artigianale italiana e ormai insostituibile. È una persona eclettica e dicotomica: tanto intransigente, critico e tagliente quando scrive sul web, quanto simpatico e coinvolgente quando lo si incontra di persona. La sua passione per la birra si accende quando quella del vino è ormai già matura; è infatti prima appassionato di vino, degustatore AIS ed ONAV fin dalla fine degli anni Novanta, e solo successivamente si butta a capofitto nel movimento brassicolo.

In una prima fase veste i panni del radical-attivista beernerd paladino della buona birra, puntualizzando provocando e accendendo dibattiti in ogni sito dedicato presente in rete; lo step successivo è invece quello che lo proietta, dopo anni di incubazione preparatoria, sulla sponda opposta, quando cioè nel 2010 diventa produttore. Ciò che lo ha spinto ad intraprendere quest’avventura è stata una serie di fortunate casualità che hanno creato un contesto perfetto per il suo progetto, non ultime le persone: è durante un corso di degustazione di cui era relatore infatti che Schigi incontra chi oggi condivide con lui questo viaggio, i proprietari della impresa familiare di torrefazione di caffè El Mundo SPA, fortemente attratti dall’argomento birra ed enogastronomia più in generale.

Grazie alla passione, alla perizia ed all’ottima organizzazione – anche sul piano del marketing – in brevissimo tempo questa idea si è trasformata in una solida realtà riconosciuta e blasonata in tutta Italia, Extraomnes. Il nome stesso scelto per il birrificio – «fuori tutti (gli altri)» espressione ecclesiastica latina che invita tutti i presenti ad uscire dalla cappella Sistina per l’inizio del conclave – richiama un’austerità ed un approccio quasi religioso e leggendario verso la divinità Birra. Ed è un piacere constatare che tutto questo rigore, tipico dello Schigi digitale, lo si riscontra oggi nelle sue birre: pulite, perfettamente bilanciate, profumate e gustose. A chiunque è raccomandato almeno un bicchierone di Blond, piacevolissima, con decisa ma delicata aromaticità, di gran beva e rinfrescante. La Migdal Bavel invece, che nasce da una collaborazione con la nota brewery ameicana Stillwater, è definita un’Italian Saison Ale; ispirata ad una Saison belga ha però una caratteristica ed estrosa speziatura di stampo italiano donatale dalla mirra e dal pepe.

Leggi gli altri articoli sulla birra artigianale di Eugenio Pellicciari >>>

 

-
EXTRAOMNES
via Generale Galvaligi, 102 

Marnate (VA)

T. 0331 600426

M. info@extraomnes.com
W. www.extromnes.com

ADV

Leggi anche


La birra in lattina di Siren

Cristina Rombolà il 15 apr 2021

Tre birre irlandesi per San Patrizio

Cristina Rombolà il 12 mar 2021

Sia lodata la birra in lattina di Stone

Cristina Rombolà il 01 feb 2021