Torna a inizio pagina

I tedeschi smussano gli angoli

Anche nella terra per eccellenza della birra, il fronte dell'avanguardia brassicola riserva piacevoli sorprese


È universalmente nota la lunga e imprescindibile storia della cultura birraria tedesca. Anche qui però sembra che alle tradizionalissime birre nazionali si inizino ad affiancare sugli scaffali e nelle birrerie nuovi stili legati all’esplosione della craft beer. Negli ultimi anni le tendenze della birra, soprattutto dagli Stati Uniti, hanno invaso la Germania e in particolare la avanguardistica Berlino. Nella capitale sempre più bevitori sono affascinati e incuriositi da questi sapori sconosciuti. Sembra che in qualche maniera anche i rigorosi consumatori tedeschi inizino a spingere la propria immaginazione verso l’approccio più anarchico della craft beer americana. Del resto si lega in una strettissima unione con l’immagine iconoclasta e cosmopolita della moderna città di Berlino. Ma questo può anche non stupire, Berlino come ogni metropoli non può certo rappresentare l’intero Paese.

Recentemente mi è capitato di passare per un piccolo centro del sud storicamente noto per la produzione di luppolo in Germania, Tettnang, una zona certo non fortemente urbanizzata e molto legata ai propri costumi. Non credevo ai miei occhi quando, bevendo una birra alla birreria del Hopfen Museum, ho visto nelle vetrine le birre esposte. Citra Ale – una signle hop di luppolo Citra – e la Comet Ipa – una India Pale Ale –  di Hopfenstopfer, birrificio di nuova impronta. La Bayrisch Pale Ale – bavarese per origine ma americana nello spirito, aromatizzata con Mandarina Bavaria, nuova varietà di luppoli tedeschi –, la IPA – robusta in otto gradi alcolici ma equilibrata e pulita – e la Grünhopfen Pils – una eccezionale pils con luppolo fresco – sono prodotte da Schönram, brauerei a est di Monaco.Il grande brewmaster di origine americana, Eric Toft, è considerato uno dei pionieri della birra artigianale in Germania. Nonostante ciò la sua Pils tradizionale è un vero e proprio capolavoro. La Palor – una pale ale luppolata con un’altra nuova varietà, il Polaris – di Braufactum di Francoforte.

Anche due birre italiane erano presenti in quello stranissimo e quasi incredibile contesto, la Cassissona del Birrificio Italiano e la Super di Baladin. Sono uscito da quella birreria un po’ spiazzato, pensieroso. Anche nella rigorosa Teutonia l’invasiona della cultura angloamericana che avanza. Anche qui. Si tratta di qualcosa di positivo o è piuttosto un sintomo di perdità di patrimonio culturale? Ciò che è certo è che si tratti di un significativo dato di fatto che non può passare inosservato. Tutto il resto sarà solo la buona birra a deciderlo.

ADV

Leggi anche


Tre birre irlandesi per San Patrizio

Cristina Rombolà il 12 mar 2021

Sia lodata la birra in lattina di Stone

Cristina Rombolà il 01 feb 2021

La birra di Moor: Real Ale, Vegan Friendly

Cristina Rombolà il 15 gen 2021