Torna a inizio pagina

I trucchi del birraio

Un pratico manuale per realizzare una birra domestica di cui andare fieri


Sul finire degli anni Sessanta negli Stati Uniti, il mercato libero, soprattutto quello birraio, per inseguire le logiche indutriali, riduce drasticamente le scelte del consumatore. Per la legge del contrappasso, come naturale meccanismo autoregolatore, si diffonde l'ideale di bere una birra full flavor che recuperi i sapori autentici e storici delle migliori produzioni del mondo e s'innesca, tra milioni di persone, il desiderio di rivalorizzare l'apporto umano, artigianale ed artisitco collegato al patrimonio brassicolo.
 
Parallelamente ai movimenti di rinnovamento sociale, nati dagli sconvolgimenti di quei decenni, anche nel mondo della birra attecchisce la voglia di emancipazione e di autodeterminazione. Un esercito di amanti ed hobbisti, armati di pentolame e impianti improvvisati, ottenuti con materiale di recupero, inizia a rispolverare la tradizione di produrre la birra in casa, propagando un positivo messaggio di autosufficenza. Negli anni l'homebrewing  avvia un processo talmente significativo da cambiare sostanzialmente, forse addirittura salvare, l'intero universo Birra.

Un fenomeno culturale e popolare che, favorito dalla semplicità della produzione domestica della bevanda, attecchisce tra la gente comune. Realizzarla in casa, infatti, non richiede grossi investimenti, consente di cominciare con un metodo elementare per poi progredire 

step-by-step verso procedimenti più complessi e riesce certamente a regalare grandi soddisfazioni in breve tempo. Tuttavia, per quanto valga il detto che "sbagliando s'impara", per chi è completamente digiuno in materia, essere in balia della propria inesperienza, potrebbe non aiutare a raggiungere risultati accettabili. Per quanto la passione e la curiosità per la birra possa stimolare a mettere alla prova le proprie capacità, avere vicino un esperto birraio che funga da bussola nella tempesta, potrebbe far evitare i classici errori da principiante.

Sulla base di queste considerazioni, Mariangela Molinari ha scritto “I trucchi del birraio. Manuale pratico per fare la birra perfetta”, edito da Terre di Mezzo. L'autrice dialoga con Leonardo Di Vincenzo, founder e brewmaster di Birra del Borgo (uno dei principali birrifici italiani) per farsi svelare i segreti della sua arte e del mestiere. Una piccola guida che si rivolge a tutti gli homebrewers o aspiranti tali, ai neofiti ma anche a chi vuole affinare i propri procedimenti, approfondendo tutti gli aspetti più sensibili. In questo simbolico tour brassicolo, Leonardo sviscera in modo chiaro ed esauriente ogni fase della produzione brassicola: dalle materie prime alle differenti tecniche, dagli stili birrari alle ricette, agli errori in cui ci si può imbattere. Un comodo prontuario, da tenere sempre a portata di tasca, che permetterà di realizzare una perfetta birra casalinga, di cui essere fieri in pubblico, ricordandosi che il passo “da homebrewer a microbirrificio” (questo il titolo dell'ultimo capitolo) è breve: sì perché la passione per la birra, quella vera, porta molto spesso a sognare in grande!
-
I TRUCCHI DEL BIRRAIO
con Leonardo Di Vincenzo
di Mariangela Molinari
Terre di Mezzo Editore
www.libri.terre.it
€ 4

ADV

Leggi anche


Tre birre irlandesi per San Patrizio

Cristina Rombolà il 12 mar 2021

Sia lodata la birra in lattina di Stone

Cristina Rombolà il 01 feb 2021

La birra di Moor: Real Ale, Vegan Friendly

Cristina Rombolà il 15 gen 2021