Torna a inizio pagina

Il Capocollo che conquista

Il Salumificio Santoro produce il tipico salume che prende il nome da Martina Franca e lo fa davvero bene


Il Capocollo di Martina Franca è uno dei salumi principali della norcineria pugliese ed è prodotto nella valle dell’Itria. Nascendo in una zona non particolarmente adatta climaticamente alla produzione di salumi, da queste parti si è diffusa l’abitudine di affumicare la carne,di marinarla in salamoia e nel vino cotto, in modo da conservarla al meglio. Così i capicolli macerano sotto sale per 15-20 giorni e, dopo l’asciugatura, si lavano con una preparazione a base di vino cotto e spezie. Insaccati nel budello, stagionano per circa 3 mesi, al termine dei quali presentano un colore rosso e un sapore di vino.

 

Questa ghiottoneria è uno dei fiori all’occhiello del Salumificio Santoro di Cisternino, che basa la sua filosofia di produzione su tradizione e semplicità. Il Capocollo di Martina Franca è buonissimo se utilizzato per fare un panino con salsa di tonno senza maionese e carciofini, come suggerisce la talentuosa chef Antonella Ricci del Fornello di Ricci di Ceglie Messapica.

 

SALUMIFICIO SANTORO

Via Isonzo c. da Marinelli

Cisternino (BR) 

T. 080 4431297

W. www.salumificiosantoro.it

M. info@salumificiosantoro.it

(L'immagine è tratta da www.exedo.it)

 

ADV

Leggi anche


La merenda con Speck Alto Adige IGP: i pancake

La Redazione il 26 giu 2020

Culatello, una luce tra le nebbie

Davide Paolini il 03 feb 2020

Vescovo e prete, che maiali!

Davide Paolini il 18 nov 2019