Torna a inizio pagina

Il mese dell'asparago selvatico

In Istria per tutto aprile si celebra la gustosa pianta


E’ indubbio che aprile sia il mese dei fiori, delle rondini e – per chi non lo sapesse - dell’asparago selvatico istriano. Questo vegetale, che si raccoglie da marzo fino alla fine d’aprile, all’occhio si presenta affusolato e sottile, ma l’abito non fa il monaco e mangiandolo si scopre un gusto inaspettato: un aroma amarognolo, fresco e bilanciato. Gli sono anche riconosciute proprietà diuretiche e - si dice - afrodisiache. Contiene infatti molti minerali e vitamine, tra le quali la vitamina E, detta vitamina della fertilità. 


In Istria, zona d’elezione di questa pianta, la cultura e la tradizione culinaria sono tali da far sì che venga celebrata con una manifestazione lunga 40 giorni. Dal 23 marzo fino al 1 maggio nella zona nord-occidentale della penisola va in scena la sesta edizione delle “Giornate dell’asparago selvatico istriano”. I ristoranti propongono i loro menù classici e “menù speciali a prezzi speciali” con ricette istriane, antiche o rivisitate, a base di questa pianta. Si va dalla più popolare frittata, alle zuppe, ai risotti ed ai ravioli, fino ad arrivare a secondi di carne e di pesce o addirittura ai dessert.


Per maggiori info sulla manifestazione >>>


ISTRIA NORDOCCIDENTALE

L'Istria è una buona occasione per un week end fuori porta in un tour alla scoperta di luoghi bellissimi, immersi nella macchia mediterranea, tanto vicini quanto sconosciuti a gran parte degli italiani. A 45 minuti di macchina da Trieste ci si può immergere in un’atmosfera sospesa tra tradizione e natura, dove il turchese dell’Adriatico si infrange contro la costa mozzafiato sovrastata da storici luoghi come Umago e Cittanova. Nell’entroterra, le cittadine di Verteneglio e Buie sono circondate da vigne e campi coltivati che in questo periodo esplodono di colori. La manifestazione “In bici alla ricerca degli asparagi” – che rientra nelle iniziative del festival dell’asparago selvatico e si tiene il 14 aprile - dà l’opportunità di andare alla scoperta degli itinerari ciclistici che si immergono nella natura incontaminata nei boschi che contornano Buie.



ADV

Leggi anche


La birra in lattina di Siren

Cristina Rombolà il 15 apr 2021

Street food a Roma, 10 indirizzi da provare

Andrea Febo il 14 apr 2021

Casatiello e tortano napoletano: il derby

Davide Paolini il 12 apr 2021