Torna a inizio pagina

L'aceto di ciliegia

Un aceto nato per caso


Dalle pillole del Gastronauta, in diretta ogni giorno alle 11.05 e 23.05 su Radio24.
 
A volte mi capita di trovare dei prodotti eccezionali, che oltre al gusto sono fantastici anche per le storie che ci raccontano. Questo è il caso dell’aceto di ciliegie della Cà dal Lauv, in provincia di Modena: un aceto nato per caso, quasi da un errore, da un produttore di stufe, Leo Bozzetto, che voleva fare il kirsch, ma che non trovò nessuno disposto a distillargli il vino di ciliegie, che con il tempo diventò aceto. Un prodotto molto particolare a cui, grazie all’intuizione di un esperto, è stata aggiunta della madre d’aceto orientale, simile a quella che Marco Polo portò dalla Cina, una vera concentrazione batterica in grado di sprigionare l’80% della sua forza in un solo mese.Così è nato l’aceto di ciliegie (di Vignola, ovviamente!). Dal 2012 la gamma è completa: dal semplice condimento per insalate, di tre anni, alla riserva di otto anni ottima con formaggi e gelato, passando per una via di mezzo invecchiata cinque anni da gustare addirittura con il pesce.
 

ACETAIA LA CA’ DAL LAUV

Via per Sassuolo 3° tronco 2068 

Pigneto di Prignano (MO)

T. 335355170

M. info@acetodiciliegia.it

W. www.acetodiciliegia.it

 

 

 

ADV

Leggi anche


Josko, il sognatore dell'aceto

Marco Colognese il 16 set 2016

Genovese sotto il vesuvio

Davide Paolini il 20 ott 2014

Pesce in tutte le salse

Fresco Pesce Magazine il 25 lug 2014