Torna a inizio pagina

L’Etichetta – Arnione Bolgheri Doc Superiore 2013

Un rosso toscano e granato, sfacciatamente elegante


Quando si degustano etichette di questa calibro ci si rende conto di quanto bella sia la passione per il vino. Una passione, nel mio caso, nata tanti anni orsono come conseguenza logica per il lavoro che svolgevo e che mi portava a viaggiare molto e a conoscere le cantine e i territori. Poi, oggi, trasformata in esclusivo diletto e godimento. Premesso ciò, l’etichetta a cui mi riferisco è uno spettacolare Bolgheri D. O. C. Superiore, annata 2013, della cantina Campo alla Sughera, dal nome Arnione. La cantina si trova nel “cuore” dell’area di denominazione e, oltre a godere di questa invidiabile ubicazione, gode anche di uno sviluppo verticale della propria struttura che ne permette così l’utilizzo della forza di gravità per la movimentazione delle uve, dei mosti e dei vini, in modo del tutto naturale. Dopo la diraspatura e la pigiatura soffice, la fermentazione e la macerazione avvengono in tank di acciaio a una temperatura controllata che non supera mai i 30°C per circa 12/15 giorni. Il vino svolge la malolattica in barriques. L’affinamento viene fatto in barriques nuove, di rovere francese per l’80% e per il restante 20% di secondo passaggio per un periodo non inferiore ai 18 mesi. Segue l’affinamento in bottiglia di oltre 18 mesi. Ho degustato questo delizioso Arnione 2013 abbinandolo con uno squisito e croccante “porceddu” cotto alla brace da un caro amico di Costa Rei in occasione di una mia capatina in Sardegna. Lo abbinerei anche a una selezione di formaggi erborinati e stagionati con contorno di melanzane alla brace innaffiate di olio extravergine di oliva del Garda.

Arnione Bolgheri DOC Superiore – Annata 2013

Vitigni: Cabernet Sauvignon 40%, Cebernet Franc 20%, Merlot 20% e Petit Verdot 20%

Analisi visiva: rosso granato con riflessi violacei sull’unghia

Analisi olfattiva: esplosione incredibile di aromi che spaziano dai piccoli frutti rossi di bosco fino ad intense ed eleganti note speziate, tabacco da pipa, cuoio

Analisi gustativa: sfacciatamente elegante, armonico, vellutato, tannini presenti (data la giovine età) ma non invasivi anzi già fini, finale eterno 

Temperatura di servizio: 18° C ma l’ho degustato a 16° dato che siamo in estate

 

 

 

 

 

Contatti

CAMPO ALLA SUGHERA 

Strada Provinciale Bolgherese 280, Bolgheri (LI)
0565.766936
info@campoallasughera.com
www.campoallasughera.com

ADV

Leggi anche


Un vino rosé fa primavera

Cristina Rombolà il 24 mar 2021

La spesa in via Sarpi, la Chinatown di Milano

Davide Paolini il 02 feb 2021

Bottiglie parlanti

Davide Paolini il 10 dic 2020