Torna a inizio pagina

L’etichetta – Umani Ronchi Vecchie Vigne 2013

Un Verdicchio in purezza ottenuto da vigne storiche


Ogni tanto mi concedo il vezzo di parlare di vini che, come credo in questo caso, molti di voi già sicuramente conoscono. Ma quando mi capita di degustare questo vino, che ha con la sua piacevolezza in una recentissima serata tra amici, quasi del tutto eliminato il “dolore” per l’eliminazione della Nazionale dai Campionati Europei di Calcio, davvero non posso fare a meno di raccontarlo con entusiasmo. Il pluripremiato verdicchio “Vecchie Vigne - Casal di Serra” di Umani Ronchi si ottiene da un appezzamento di circa 10 ettari dove vegetano ottimamente vigne che hanno almeno 45 anni di vita, allevate con attenzione e cura a dir poco maniacale. L’appezzamento si trova nelle Marche, in provincia di Ancona, precisamente a Busche nel fondo di Montecarotto a circa 350 metri sul livello del mare. Qui il terreno, con esposizione est/sud-est, è argilloso e fresco e dunque è ottimale per la produzione del Verdicchio. Questa perfetta coincidenza tra i fattori pedoclimatici, a cui si aggiunge ovviamente la mano dell’uomo che opera con perizia in cantina, si esprime e racconta nel bicchiere quando si degusta questo cru. Un verdicchio che si ottiene con un lungo affinamento prima in acciaio e poi in bottiglia e che fa della pienezza il suo stile inconfondibile. L’etichetta da me degustata è quella relativa all’anno 2013 che è stato, dal punto di vista climatico, un ottimo anno per la produzione di verdicchio.

Analisi visiva: Giallo verdognolo

Analisi olfattiva: Profumi intensi, gelsomino, nettarina, ananas, salvia e menta

Analisi gustativa: Morbido, asciutto, sapido, lunghissimo

Temperatura di servizio: 12°/13°

-
AZIENDA VINICOLA UMANI RONCHI 

Via Adriatica 12, Osimo (AN) 

071 7108019 

wine@umanironchi.it

www.umanironchi.com

ADV

Leggi anche


Un vino rosé fa primavera

Cristina Rombolà il 24 mar 2021

La spesa in via Sarpi, la Chinatown di Milano

Davide Paolini il 02 feb 2021

Bottiglie parlanti

Davide Paolini il 10 dic 2020