Torna a inizio pagina

La passione di un birrario

Nelle birre del Birrificio del Ducato si gusta la passione e il carattere di chi le ha create


Frequentavo l'università a Parma quando, in una lezione del corso di analisi sensoriale, la professoressa organizzò un seminario sulla birra artigianale. Il relatore era un ex-studente, ormai  laureato, che aveva appena aperto un birrificio in zona. Ad una prima parte introduttiva sull'argomento – storia, materie prime, processo produttivo e diversi stili – seguiva poi una presentazione con degustazione delle creazioni della nuova brewery emiliana.
 
Durante la lezione, quello che più mi ha colpito era il grande trasporto con cui il ragazzo narrava del proprio progetto: erano parole intense, permeate di sincero entusiasmo e passione per la birra. Ne sono stato letteralmente investito. Arrivati al tema dei possibili abbinamenti gastronomici cibo/birra, qualcuno tra i miei compagni di corso ha chiesto: «Quali sono secondo te i migliori cibi da abbinare alle più comuni mainstream lager?». Il birraio, con simpatica ironia ma anche una punta d'orgoglio, ha prontamente risposto: «Dunque, secondo me si abbina bene al pavimento... o anche al lavandino...». La carica e la convinzione con cui declamava le proprie birre era contagiosa, a metà tra una dichiarazione d'amore ed un urlo di guerra. Il birraio in questione era Giovanni Campari founder del Birrificio del Ducato e le birre quel giorno presentava sono oggi tra le più classiche produzioni del birrificio e vere e proprie perle nel panorama italiano. Tra queste la famosissima Via Emilia, la New Morning e la A.F.O.
 
Se la mia intorpidita conoscenza di allora si limitava ad alcune birre belghe ed a qualche buona etichetta inglese, in quel momento quel tris di fantastiche birre mi ha svegliato dal sonno; in quell'occasione ho scoperto e mi sono innamorato di un mondo a me nuovo, la craft beer italiana.
Senz'altro il merito va anche alle convincenti parole dell'oratore – infatti la metabolizzazione mentale di qualcosa che mangiamo o beviamo è un processo importantissimo nella successiva elaborazione del gusto trasmesso dalle sinapsi – ma in quel momento non ricordavo di aver mai bevuto prima una birra tanto fresca, fragrante e gustosa. La pulizia e l'equilibrio le rendevano paurosamente bevibili.
 
La New Morning è una saison eccezionale nella sua particolarità, grande aromaticità che termina in una bilanciatissima secchezza. La A.F.O. – ale for obsessed – è una Pale peculiare per la propria luppolatura intensa – il blend dei diversi luppoli dona un grande bouquet aromatico – e per il carattere apportato dal malto.


BIRRIFICIO DEL DUCATO
Via G. Strepponi 50/A
43011 Roncole Verdi di Busseto (PR)
T. 0524.90137
W. www.birrificiodelducato.net 

Leggi gli altri articoli sulla birra artigianale di Eugenio Pellicciari >>>

 

ADV

Leggi anche


La birra in lattina di Siren

Cristina Rombolà il 15 apr 2021

Tre birre irlandesi per San Patrizio

Cristina Rombolà il 12 mar 2021

Sia lodata la birra in lattina di Stone

Cristina Rombolà il 01 feb 2021