Torna a inizio pagina

La Toscana di Ruffino e il gusto della convivialità

Domani al Mercato Centrale di Firenze verrà presentato il libro sulla casa vitivinicola fiorentina


La Toscana è per antonomasia la regione della convivialità: già a sentirne il nome vengono in mente immagini di cibo condiviso, di grandi tavolate, di bevute in compagnia e di buona cucina. La casa vitivinicola fiorentina Ruffino, produttrice di importanti rossi (Riserva Ducale, Chianti, Brunello di Montalcino, Modus) ha voluto rendere omaggio a questa terra simposiaca in cui affondano le radici i suoi vigneti attraverso il libro “La Toscana di Ruffino”. Pensato da Francesco Sorelli, realizzato insieme a Sandra Pilacchi e ai ragazzi dell’Officina Grafica di Firenze (Tommaso Pecchioli e Vincenzo Maccarone) ed edito dal Cucchiaio d’Argento, il libro verrà presentato mercoledì 25 maggio alle ore 18:30 presso il Ristorante Tosca del Mercato Centrale di Firenze.

In 384 pagine, 130 ricette e 300 fotografie viene raccontata la storia dell’azienda Ruffino e il legame con il territorio, la Toscana, che giocò un ruolo fondamentale nella produzione della casa vitivinicola: un viaggio per immagini e parole in cui la storia dei Ruffino viene inserita nella cultura gastronomica toscana. La trama si articola in ventidue capitoli distribuiti in quattro momenti chiave che corrispondono a relativi spazi fisici.

La casa, dove le mamme e le nonne preparano il saporito “desinare”, il pantagruelico pranzo della domenica, i piatti a base di pane sciocco e imperniati sul riciclo. La vita all’aperto con gli amici, all’insegna della semplicità e dell’allegria, a mangiare una merenda o a gironzolare per la campagna, a fare un pic-nic all’ombra di alberi centenari e carichi di storia. La città, con la tradizione popolare del “lampredotto” e del “cibo di strada”, dei “mercati e delle botteghe”, che ha come sfondo la raffinata Firenze rinascimentale. Infine, la campagna che riflette la villa padronale e della fattoria, dove trova spazio l’abilità e l’esperienza contadina, attenta al recupero e alla costruzione di piatti con gli scarti. Una sezione del libro è infine dedicata alla reinterpretazione da parte del Cucchiaio d’Argento (con la firma di Stefano Caffarri) di alcune delle ricette toscane più popolari (il capitolo si intitola “La Toscana del Cucchiaio”).

-

LA TOSCANA DI RUFFINO - IL GUSTO DI STARE INSIEME

Scritto da Francesco Sorelli

2016, Ed. da Il Cucchiaio d’Argento

384 pp. 

ADV

Leggi anche


La Versilia ritrova le sue origini nei prodotti

Davide Paolini il 26 ott 2020

Un pollo fritto nella Tana degli Orsi

Davide Paolini il 08 ott 2020

Una sosta sicura nel Chianti

Andrea Febo il 01 set 2020