Torna a inizio pagina

Non sono pallidi i ravanelli

Oltre a essere belli da vedere, i ravanelli possono essere protagonisti di gustose ricette di stagione


Già a vederli infondono allegria e invogliano a mangiarle: delle palline dal colore fucsia scuro e dalle foglie verdi. Le piccole dimensioni e la forma rotonda ricordano la ciliegia, ma la polpa bianca e quel sapore leggermente pungente esprimono la loro personalità e rendono i ravanelli unici. La pianta è originaria dell’Asia Centrale e, nonostante noi italiani siamo abituati a vederli in una sola varietà, ce ne sono veramente tante (basti pensare al daikon giapponese). Ipocalorici, ricchi di acqua, di vitamine e sali minerali, hanno delle proprietà diuretiche e nella medicina orientale sono spesso usati come terapia naturale.

In cucina i ravanelli soffrono un po’ del complesso del “bello che non balla”: il loro fascino estetico ha fatto sì che fossero considerati ortaggi inutili e ridotti a meri oggetti decorativi. Tagliati a rondelle si prestano spesso alla costruzione di creativi mosaici che hanno come protagonisti carne e pesce. Il loro uso da ingredienti portanti è limitato quasi esclusivamente all’insalata o, insieme a carote, finocchi e sedano, vengono spesso pucciati in una vinaigrette di aceto balsamico, olio extravergine d’oliva e senape. Tuttavia, superati i pregiudizi e con un po’ di fantasia, è possibile ricavare da questi ortaggi interessanti ricette.

Provate a tagliarli a metà e a riempirli di formaggio caprino, oppure cuoceteli, frullateli e preparate una crema che renderete come piatto unico con dei crostini. Li potete usare per dare un tocco piccante ai risotti, alla pasta, o come ripieno di torte salate o di rotoli di carne. La salsa di ravanelli è ottima per condire una bistecca o per preparare delle tartine. Ricordate che anche con quelli crudi ci si può sbizzarrire: tagliati a rondelle o a cubetti si possono insaporire qualsiasi piatto freddo: dal couscous al bulgur, dall’insalata di riso (farro, orzo perlato o quinoa) alla tartare di tonno. Li avete mai assaggiati nei maki insieme a salmone e avocado? E nel salame freddo di tonno? Con le alici marinate sono una delizia e le foglie si possono recuperare per una zuppa o anche friggere in pastella. Insomma, prima di dire che i ravanelli sono pallidi e insignificanti, riflettete sulle loro potenzialità di espressione che sono veramente tante.

ADV

Leggi anche


Vasocottura: cos'è e come funziona

Arianna Iachia il 20 apr 2021

Ciao Andrea, il pastore delle api

Davide Paolini il 19 apr 2021

La birra in lattina di Siren

Cristina Rombolà il 15 apr 2021