Torna a inizio pagina

Quel cappero dei Calanchi

Nei Calanchi di Atri spuntano dei capperi giganti dal sapore eccezionale


Terreni strappati al mare, dalle pendenze impossibili, impervi e disagiati per morfologia, clima, altitudine e latitudine, dove non può arrivare nessuna macchina agricola. Raggiungibili solo da mani umane, ma di quelle coraggiose. Siamo nei Calanchi di Atri, situazioni desertiche, caratterizzate da rocce argillose con poca vegetazione e senza acqua. Punti di difficile accesso, in cui scendere con imbracature e corda (a volte doppia), come se fosse un’arrampicata.

La famiglia Brandimarte - Di Giacinto possiede ventisei ettari adibiti ad azienda agricola e ad agriturismo alberghiero (Isola dei Calanchi), sei dei quali occupati dai calanchi, da cui deriva il nome della realtà. Nei rari cespugli che si incontrano in questa porzione di terra arida e improduttiva cresce una pianta di cappero che per molti anni è stato a uso esclusivo dell’azienda, sconosciuto anche ai locali.

Il frutto ha delle dimensioni molto grandi di circa sette centimetri, si presenta verde all’esterno, ha una polpa che ricorda l’anguria, rosso sbiadito con semi neri e un retrogusto leggermente piccante. Il cappero dei Calanchi è selvatico, spunta tra la fine di luglio e i primi di agosto, ha una vita di massimo due settimane e viene raccolto a mano, facendo attenzione alle spine della pianta, scendendo lungo le rocce scoscese con la fune. La famiglia Brandimarte - Di Giacinto mangia questi capperi da sempre e, dopo averli fatti assaggiare a uno chef allievo di Niko Romito, ha deciso di commercializzare questo prodotto così di nicchia e dal sapore eccezionale.

Dalla fine del prossimo luglio i capperi dei Calanchi saranno raccolti in forma organizzata, conservati in barattoli di vetro e immessi sul mercato. Pronti per l’assaggio? Vi diciamo solo che con un cappero si possono condire fino a due porzioni di pasta! Attenzione però, la produzione è limitata, per cui chi tardi arriva, male alloggia.

Contatti

ISOLA DEI CALANCHI

Contrada Cagno 6, Atri (TE)
085.87360 | 328.6779848
info@isoladeicalanchi.it
www.isoladeicalanchi.it

ADV

Leggi anche


I sapori di Pantelleria tra mare e terra

Giorgio Bobba il 26 ago 2015

Se il pecorino di Farindola viene racchiuso nel cacao

Cristina Rombolà il 14 lug 2015

Vasocottura: cos'è e come funziona

Arianna Iachia il 20 apr 2021