Torna a inizio pagina

Un vino rosé fa primavera

Il vino rosé della cantina ProgettiDivini per festeggiare l’arrivo della primavera



Accontenta tutti, si adatta a diversi tipi di piatti e non è vero che piace solo alle donne, anzi. Il vino rosé è di tendenza e da qualche anno a questa parte ha fatto boom di consumi, in Italia e all’estero. Stati Uniti e Francia si piazzano in cima alla lista dei Paesi che ne bevono di più, l’Italia è la seconda per quanto riguarda la produzione. Veneto e Puglia le regioni antesignane che, per prime, hanno intuito le potenzialità dei vini rosé da vitigni autoctoni, facendo leva sulla loro personalità e su un’identità individuale non necessariamente legata ai vini rossi.

Il vino rosé da uve Raboso

In Veneto, la Cantina ProgettiDivini si è fatta ambasciatrice di questa rivoluzione rosa, dedicando alla causa il Progetto 4. Un rosé spumante extra dry, ottenuto da uve Raboso in purezza. Dal colore rosa brillante con riflessi rubini, questo vino rosé viene spumantizzato con metodo charmat seguito da sessanta giorni di controllo della temperatura (costante tra 16-18 °C). Intenso e fruttato, presenta un fine perlage e un ampio bouquet di profumi. È un vino rosé dalla pronta beva, particolarmente adatto all’aperitivo, ma non disdegna crudi di pesce, carni bianche e, essendo italiano, non può che abbinarsi alla coppia super pop di pasta e pizza.
vino rosè progetti divini

ProgettiDivini, la cantina che produce il vino rosé da Raboso

A Farra di Soligo, tra Conegliano e Valdobbiadene, ProgettiDivini è specializzata nella produzione di Prosecco Superiore DOCG, prosecco DOC e vini spumanti di qualità. Martina e Cristian Piazzetta gestiscono con entusiasmo, passione e competenza la Cantina e i vigneti posti a un’altitudine tra i 50 e i 500 mslm. Dal 2008 l’antica Villa Brandolini d’Adda, luogo storico della nobile famiglia, è la sede della cantina e rappresenta il legame con le radici e con il territorio. Un’eredità tanto importante da essere protagonista del nuovo logo con cui la cantina nel 2020 ha avviato un’operazione di rebranding, voluto e firmato da Martina e Cristian, che ha portato alle nuove etichette del 2021. Etichette, dettate dal motto alla base della loro mission: “We bring Colors to your day, Portiamo i colori nella tua giornata”, in cui il vino gioca un ruolo importante, ma dietro le quinte. Protagonista è la vita, in tutti i momenti della giornata, a cui i vini aggiungono pennellate di colore per rendere conviviali e spensierate le esperienze quotidiane. La cantina guarda al futuro senza dimenticare il passato e il nuovo payoff - Italian Wine Stories - riflette la filosofia dell’azienda. Le etichette esprimono, attraverso la narrazione, la storia dei vigneti e del territorio in uno scambio costante tra innovazione e tradizione in cui il vino, che si articola in otto progetti, è il filo conduttore di una esperienza conviviale e allegra.
prosecco zero progetti divini

Il vino rosé non vi piace?

ProgettiDivini ha pensato anche a chi il vino rosé non lo beve. Per accompagnare aperitivi, crudi di pesce e verdure pastellate, si può optare anche per lo Zero. Un progetto speciale, la prima etichetta creata dalla cantina per ripartire. Uno spumante prodotto con metodo charmat lungo (oltre sei mesi), un affinamento di sei mesi sui lieviti, dosaggio zero e trenta giorni di maturazione in bottiglia. Glera in purezza che regala alla vista un perlage minuto e fine, al naso delicati sentori fruttati e floreali, al palato una buona struttura e armonia.

ADV

Leggi anche


La spesa in via Sarpi, la Chinatown di Milano

Davide Paolini il 02 feb 2021

Bottiglie parlanti

Davide Paolini il 10 dic 2020

Lambrusco ancestrale e vini col fondo

Davide Paolini il 28 lug 2020