Un bistrò tutto pepe

Nel laboratorio di Misha Sukyas tra esperimenti e azzardi culinari


È sempre bello scoprire posti nuovi, in particolare se sono a due passi da casa. Durante un giovedì sera in cui la voglia di cucinare era ai minimi storici ho pensato di provare il nuovo locale di Misha Sukyas “Spice Bistrò & Bar”, in via De Amicis 4, proprio a due passi dalle mondane Colonne di San Lorenzo.

Appena entriamo il capo sala ci accoglie con aria professionale e ci fa sentire a nostro agio. I tavoli sono senza tovaglia con un gran tovagliolo bianco arrotolato, coltello e forchetta. Nell'attesa del menù ho il tempo di scrutare l'atmosfera: ricorda un po' i club degli anni del proibizionismo, con tanto di legno lucido, tanti specchi e un lampadario di cristallo molto sfarzoso. Gli specchi sono molto intelligenti visto che stiamo parlando di un piccolo locale, con non più di 35 coperti.

Veniamo alle cose interessanti: il menù. Noto che è scritto a mano, proprio dallo chef. Questo perché cambia ogni giorno, sia a pranzo, sia a cena. Lo leggo con attenzione e devo ammettere che i piatti sono molto curiosi e intriganti, si prospetta uno di quei casi in cui si può mangiare divertendosi. Il cameriere ci racconta un po' le portate, dicendoci onestamente che le porzioni non sono abbondanti, ma la stessa cosa si può dire dei prezzi.

Abbiamo a che fare con un ristorante, in cui lo chef Misha Sukyas decide di sperimentare e azzardare, con materie prime semplici e con accostamenti tal volta bizzarri, ma che al palato e alla vista funzionano bene, una possibilità culinaria che mancava in una zona tanto battuta come quella di Porta Ticinese. I prodotti sono di ottima qualità, dalle carni della Macelleria Motta, al pesce che arriva sempre fresco, alla corta ma interessante carta dei vini.

Scrutato il menù decidiamo per una saporita Crema parmentier affumicata con carciofi fritti, Capesante crudo “Motta” e salsa olandese, il delizioso Tonno lava nera cioccolato bianco e wasabi, Filetto di maiale alla senape, cozze e coluis di peperoni e per finire assaggiamo il Sukyaki “Desert Django”. I piatti, sia nella presentazione sia al palato, sono all’altezza della curiosità che suscitano ed esaudiscono in pieno le aspettative iniziali. Alla fine sono pieno e soddisfatto, ma la vista del carrello di caramelle colorate mi fa cedere all’ultima tentazione. Del resto, chi può dire di no alle caramelle gommose?
-
SPICE BISTRÒ & BAR
Via De Amicis 4, Milano
02.58102106
spicebistrobar@yahoo.it
www.spicebistrobar.it

ADV

Leggi anche


La contaminazione in cucina secondo lo chef Faggionato

Davide Paolini il 07 ott 2019

Crosta è la miglior pizzeria dell'anno

Federico Corabi il 01 ott 2019

Al Bar Basso due cocktail con la storia

La Redazione il 27 set 2019