La Venezia autentica di Mario

Un ristorante storico, frequentato da locali


Perdersi a Venezia è un’esperienza unica: girovagare senza meta tra calle, sui ponti, sotto pertugi e tra vicoli strettissimi vi farà scoprire una città autentica, misteriosa, sorprendente. Lasciate Riva degli Schiavoni per esplorare altre zone di Venezia, Castello, Dorsoduro fino ad arrivare alla Giudecca, e troverete, quasi per caso, alcuni angoli di tranquillità e silenzio.


Ma se è emozionante perdersi a Venezia, è meno invitante lasciare al caso la scelta culinaria: di bufale se ne possono trovare tante, quindi meglio andare sul sicuro. In piena San Marco, tra la piazza e Ponte di Rialto potrete gustare le proposte di Mario alla Fava, vicino alla Chiesa di Santa Maria alla Fava. Locale storico di Venezia, fondato nel 1960 da Mario Bonavita, e riportato in auge dai figli Luca e Guido. L’atmosfera è tranquilla e rilassata, il ristorante è frequentato soprattutto da locali. La cucina propone i piatti della tradizione veneziana, rivisitati e alleggeriti, ma non mancano proposte innovative. C’è un apposito menu di cucina vegana.

Tra i piatti gustati: ravioli di pesce spada affumicato con blend di formaggi morbidi; crudi di tonno, salmone e branzino con sale rosa dell’Himalaya, pepe rosso e nero, limone, olio ai semi di sesamo; paccheri su letto di burrata affumicata con gamberi, pomodori secchi, erba cipollina; filetto di tonno ricoperto di semi di sesamo su letto di insalatina e gazpacho di pomodoro. Da non perdere tra i dolci: il tiramisù e il gelato alla menta su spaghetti di cioccolato. Per qualsiasi suggerimento sul cibo e sul vino affidatevi alla professionalità di Giorgio Cirlan.

-

RISTORANTE DA MARIO ALLA FAVA

Calle Galiazzo, 5265 – Calle deiStagneri, 5242 Venezia

T 041 5285147 | C 347 0528240

info@ristorantemarioallafava.it
www.ristorantemarioallafava.it

ADV

Leggi anche


Un nuovo locale dallo "stile libero" e dall'identità versatile

Andrea Febo il 28 dic 2017

Tartufo da sniffare

Davide Paolini il 20 dic 2017

Cotoletta dandy

Davide Paolini il 02 mag 2017